Vergani, AISOM: “Nessun imprenditore deve essere lasciato da solo”

banche



Non sono ancora terminate le ferie estive e il paese è di nuovo catapultato nello spettro della crisi economica. Il nuovo aumento dei contagi e le prime conseguenze dei nuovi decreti sui distanziamenti e possibili nuove azioni preventive (in attesa di un vaccino) ci fanno capire che autunno e inverno saranno ancora critici per le attività economiche nazionali ed internazionali.

In merito abbiamo chiesto il parere di Stefano Vergani, presidente dell’associazione Aisom.

Il suicidio del ristoratore fiorentino sarà l’inizio di una lunga serie?

“Difficilmente il governo italiano riuscirà ad accedere in tempi brevi ai miliardi UE o individuare altre iniziative valide. In molti si chiedono, poi, cosa ne sarà delle imprese, dei lavoratori e delle famiglie. Se mancheranno gli introiti o saranno insufficienti, quali prospettive si aprono per imprenditori e collaboratori con la prossima ripartenza dei mutui e delle tasse?”.

Un punto di partenza condivisibile da tutti è che nessun imprenditore deve essere lasciato solo e nessun imprenditore deve pensare di potercela fare da solo

 

“Giusto 1 mese fa intervistavamo l’Associazione AISOM che aveva rilanciato con ancora maggior vigore il progetto B2F e condividiamo l’idea del Presidente Vergani sul fatto che l’attuale scenario e le sue prospettive future, ripropongono con vigore l’importanza dell’associazionismo imprenditoriale, che negli ultimi anni ha perso parte del consenso e dell’interesse da parte degli imprenditori. Questo perché gli imprenditori hanno domande e vogliono risposte accompagnate da fatti, non dichiarazioni roboanti di intenti volte a guadagnare sostegno molto spesso politico all’interno delle associazioni. Tra le tante associazioni di categoria AISOM si è mossa già in tempi non sospetti con un progetto (B2F – Back to the future) finalizzato a dare una risposta a tutte quelle imprese che potrebbero trovarsi in difficoltò strategica, operativa e finanziaria, con un modello che non è assistenziale ma che ricorda molto il modello del Chapter 11 americano”. AISOM rappresenta, quindi, una valida risposta a tutte quelle affermazioni o ai quei dubbi sulla modernità e validità del modello associativo. Perché già a fine 2018 veniva creata la linea guida per l’attivazione di una task force di grande efficacia con modalità innovative che poteva subentrare nella gestione dell’impresa con un team idoneo di persone non coinvolte nella società”.

 

Il progetto B2F

 

“Il progetto denominato B2F (back to the future) è stato pensato e lanciato da Stefano Vergani, un ex militare dell’Arma poi manager per aziende nazionali e multinazionali, infine imprenditore e tra i fondatori di AISOM. B2F–prevede, in base ai singoli casi, l’attuazione di un programma di gestione della crisi prima che questa divenga irreversibile e gestito con risorse dotate di esperienza ma anche di un nuovissimo codice etico di socio solidarietà che viene accettato sia dal sistema finanziario sia dalle istituzioni, tra cui alcuni sindacati che, rendendosi conto della straordinaria gravità dell’attuale situazione, hanno preso contatti con AISOM per poterne essere parte attiva e partecipativa”.

 

La sensibilità delle banche

“Con alcune banche attente e veramente sensibili abbiamo attivato buoni rapporti; si fidano di AISOM e dei progetti orientati al bene dei soggetti bisognosi di un giro di volt e condividono, pertanto, molto più favorevolmente le prospettive di rilancio delle aziende evitando che si complichi il rischio di ulteriori ed irreversibili deterioramenti. Ben più difficile, ad oggi, è il rapporto con le istituzioni governative. Il MISE ha ad oggi mostrato uno scarso interesse ad approfondire l’approccio proposto da AISOM. Eppure il recentissimo esperimento Corneliani sembra clonato dal nostro modello. Potrebbe essere applicabile in futuro ad un comparto esteso di PMI che, per numero e tipologia, non potranno essere tutte seguite dai tavoli del Governo”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21405 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.