Paolo Malato (RES) sull’attacco hacker alla Regione Lazio

lazio



Per la prima volta in Italia un attacco informatico ha una forte ridondanza mediatica e gravi conseguenze sulla fruibilità dei servizi del portale Regionale. Tutti sanno che da 2 gg i sistemi informatici della Regione Lazio sono sotto tiro di hackers che pregiudicano la funzionalità dei sistemi proprio nel pieno della campagna vaccinale.

 

Che tipo di attacco è secondo RES?

 

“Gli inquirenti stanno lavorando duramente proprio per la portata massiccia dell’attacco. Ieri qualche telegiornale parlava di hacker stranieri…qualcuno parlava di hacker legati al mondo dei NO VAX…qualcuno ricorda ancora i crimini hackeristici dei diabolici Occhionero & Co che, qualche anno fa, pagati da poteri forti e deviati dall’economia avevano combinato grossi danni a molti. Di certo è la prima volta che un attentato di questa levatura colpisce un Ente Pubblico di queste dimensioni”.

 

Come è possibile che sia accaduta in una situazione così grave?

 

“Il nostro è uno strano paese; questo accadimento spiega il modo contorto delle attività pubbliche dove sovente gli incarichi sono affidati ad aziende amiche più che a dei veri professionisti della rete. Gravi sono le inefficienze sulla scelta dei provider, degli strumenti e poca l’attività svolta sulle simulazioni di attacchi informatici”.

 

Cosa dovrebbero fare le aziende, pubbliche e private, per prevenire disastri di questo tipo?

 

“Quello a cui assistiamo oggi in termini informatici è causa della stesso atteggiamento non professionale di chi comanda e governa le manopole del potere… Da decenni si parla di prevenzione in ogni dove ma poi la realtà è quella che drammaticamente dipingono i media non controllati dal potere politico o dai poteri forti dell’economia”.

 

Eppure i sistemi informatici ed i prodotti di monitoraggio e controllo sono sempre più sofisticati…

 

“E’ una piaga aperta. E’ vero che i sistemi sono sempre più evoluti ma nella maggioranza dei casi sono proprio gli interventi delle persone e delle organizzazioni a rappresentarne il punto debole…La trasmissione REPORT nei giorni scorsi ha svelato i diversi trucchi nelle gare telematiche della CONSIP”.

 

Secondo RES, il marasma della mala politica infetta anche altri aspetti oltre a quelli conosciuti dalle cronache?

 

“Le cronache parlano sempre sulla base di risultati ed evidenze oggettive. Non mettiamo in dubbio che in molte organizzazioni ci sono persone degne del ruolo e con reale predisposizione a svolgere al meglio le loro mansioni ma l’infiltrazione della politica è il punto debole. Se si daranno responsabilità a chi è veramente in grado di assolvere eticamente il proprio mandato le cose sicuramente miglioreranno”.

var url191345 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=191345”;
var snippet191345 = httpGetSync(url191345);
document.write(snippet191345);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22263 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.