Dall'Italia

Scordamaglia: “Si perde consenso contrastando l’evasione”

Scordamaglia (Filiera Italia): “Bisogna fare un patto, chi fa sul serio la lotta all’evasione poi non si ricandida, lo fa solo nell’interesse del Paese. C’è da affrontare un’evasione diffusa fatta da tanti piccolissimi che fa comodo ignorare per dire che si fa la lotta ai grandi evasori. Conseguenze dazi americani sono pesanti, hanno colpito quei prodotti che vogliono taroccare” [CONTINUA]

mario adinolfi
Dall'Italia

Adinolfi: “Duello Renzi-Salvini non sposta un voto, è irrilevante”

Adinolfi: “Turchia? Mi manda ai pazzi l’idea che adesso stanno tutti con la bandierina curda quando dal 15 marzo 2011 ci sono oltre 500mila siriani uccisi in una guerra civile di cui nessuno ha alcun interesse. Ora scoprono che appena se ne va l’America cominciano i casini e oggi il buono è Assad, che era un dittatore sanguinario, perché sta dalla parte dei curdi, ma come sempre lo fa per i propri interessi. O noi capiamo quello che accade lì oppure siamo semplicemente ridicoli” [CONTINUA]

Gianfranco Rotondi
Cronaca

Rotondi (FI): “Conte democristiano? Per la prima volta ha rivendicato la cultura democristiana”

Rotondi (FI): “In Italia c’è un ceto politico che si è formato nei talk show violenti e sa fare solo campagna elettorale. Quando uno propone un modo di essere diverso inizialmente viene escluso dalla macchina mediatica, poi dopo un po’ comincia ad attrarre interesse e alla fine può prevalere. I giornali, la rete ascoltano solo il Paese incazzato. Quindi questo Paese incazzato parla da solo. Il Paese che non è incazzato vale il 75% a livello elettorale. A Conte ho consigliato di parlare con Renzi e Berlusconi perché solo una nuova stagione di unità nazionale può difendere il nostro Paese. Sarebbe un errore buttare l’esperienza berlusconiana nelle fauci del sovranismo anziché spenderla in una nuova fase di unità nazionale” [CONTINUA]