Giancarlo Caselli
Dall'Italia

Caselli: “Intervento bellicoso di Renzi in Senato è un pessimo esempio”

Open, Giancarlo Caselli: “Per oltre un secolo la concezione dominante nel nostro Paese è stata quella dell’unità del potere e del primato del potere politico su quello giudiziario. Fuga di notizie? Può avere diversi padri. Le informazioni può darsi che escano dai tribunali, ma può darsi anche che non escano dai tribunali. Se il magistrato ordina una cosa, di questa cosa vengono a conoscenza anche gli avvocati ad esempio” [CONTINUA]

simone di stefano
Dall'Italia

Di Stefano: “Saremo in piazza a Roma con le Sardine, senza bandiere”

Di Stefano: “Alla fine secondo me la piazza sarà una piazza di ragazzi sistemati, senza troppi problemi, non ci troveremo gente della periferia romana. Se uno pretende di andare lì e cantare Bella Ciao, allora torniamo al ’45 e dividiamo il campo in due. Uno dei problemi di questa nazione è non aver superato la guerra civile, il dialogo invece dovrebbe essere fondamentale per trovare una direzione comune. Ogongo dice una cosa, poi arrivano i 4 leader e lo smentiscono, ma chi sono questi 4 leader? Siamo già alla Casaleggio e Associati? Non cogliamo una reale volontà di cambiamento nella Lega di Salvini, proprio per questo stiamo cercando di portare le nostre idee in area sovranista” [CONTINUA]

Dall'Italia

Pellegrini: “Il Mes a noi non piaceva allora e continua a non piacere ancora adesso”

Pellegrini: “L’unica cosa che possiamo fare in questo momento è cercare di migliorarlo. In FDI l’ipocrisia regna sovrana, è insopportabile. E’ singolare che ora la Meloni urli all’attentato alle ragioni dell’Italia quando ha votato il Mes, il fiscal compact, il trattato di Dublino. Dissidenti? Siamo dispiaciuti che ieri siano state espresse 4 posizioni contrarie sul Mes, nel modo in cui sono state espresse. Non so se usciranno dal Movimento, mi auguro di no perché in un Movimento così grande è normale non essere sempre tutti d’accordo. Mi meraviglierei moltissimo se Lucidi uscisse dal M5S perché non meno di qualche mese fa si era proposto come capogruppo” [CONTINUA]

Dall'Italia

Testa: “Rifiuti Roma: Il piano della giunta 5 Stelle è illusorio”

Testa: “La sindaca Raggi si impunta e si è messa in un vicolo cieco”. Sull’ex Ilva: “Bisogna innanzitutto decidere se vogliamo tenerla aperta o chiuderla. Io vorrei tenerla aperta. Ma se tu dici che vuoi tenerla aperta, ma poi crei incertezza tra gli investitori, non sai quali sono le norme che regolano, è chiaro che gli investitori scappano e ti trovi in questa situazione. Nel nostro Paese sta prevalendo un desiderio di distruggere più che di costruire”

[CONTINUA]

Dall'Italia

Rizzo: “Sardine? E’ una piazza costruita bene, io non credo all’effetto spontaneo”

Rizzo: “La tv e il mainstream poi moltiplicano. Adesso ci sono centinaia di migliaia di persone perbene che scendono in piazza. Ma per cosa? Adesso il potere è così forte che deve gestire anche il dissenso. E’ andato più in tv Santori in 20 giorni che io in tutta la vita. E’ chiaro che le idee delle Sardine possono avere un grande successo, il problema è anche chi recepisce questo messaggio. Io non andrei mai in piazza con un simbolo che non so neanche cosa rappresenta. Oggi ci sono gli influencer, c’è una bella ragazza che fa vedere come si pettina e prende 6mila euro. Buon per lei, ma questo è un mestiere? Il comunismo fa paura a quei potenti che oggi detengono metà della ricchezza del pianeta. Le classi oggi dominanti fanno una battaglia anche di carattere culturale, con i mezzi di comunicazione. Oggi conta più Zuckerberg di Obama” [CONTINUA]