Vergani, RES: “Il governo e questa Europa hanno toppato”

europa



Monta in diverse città d’Italia la rabbia dei commercianti e degli ambulanti. Categorie che si sentono prese in giro dal governo dei “migliori” che, ad oggi, ai fatti ha preferito gli annunci.

Abbiamo, così, intervistato Stefano Vergani, presidente di RES.

Le città italiane sono in fermento per le difficoltà di diversi settori economici. Cosa pensa RES in merito?

“A dire la verità ci aspettavamo da tempo queste levate di scudi e comprendiamo perfettamente le giuste rimostranze di categorie che hanno danni incomprensibili se comparate ad altri paesi. Comprendiamo anche la posizione di chi al Governo ha la responsabilità di minimizzare i rischi pandemici ma non si comprendono i comportamenti verso altri settori”.

 

Alcuni telegiornali parlano di manifestazioni promosse da “infiltrati” e da logiche anche malavitose. Cosa ne pensate?

 

“In mancanza di prove certe sono illazioni che vanno contestualizzate. A Roma c’erano personaggi collegabili a Casa Pound, forse a Napoli figure collegabili alla camorra ma la maggior parte dei partecipanti hanno tutto il diritto di manifestare. Visti i nostri rapporti con molte associazioni di categoria, abbiamo potuto constatare come molte PMI non abbiano ancora ricevuto i ristori o, se li hanno ricevuti, quanto siano inappropriati, soprattutto se comparati a quelli di altri paesi europei”.

 

Quali scenari prevede RES?

“Non siamo ottimisti perché i fatti concreti dell’economia e dello sviluppo della pandemia (nonostante i vaccini) fanno capire quanto il paese sia sempre diviso in due. Purtroppo l’abilità dei partiti a mistificare la democrazia, tiene sotto scacco ogni velleità ed azione vera per un serio cambiamento. Il dramma è che quando il paese si accorgerà di questo, si apriranno le porte ad una gestione autocratica guidata sempre da coloro che poi saranno (qualora non lo siano stati prima) contaminati dall’ invereconda relazione tra poteri forti e politica depravata”.

 

Lo sforzo vaccinale produce importanti cambiamenti in paesi come l’Inghilterra o gli Stati Uniti

 

“E’ un discoro molto complesso e lungo. Di sicuro in altri paesi ai passi veloci con le vaccinazioni si sono accompagnate misure di Stato molto importanti quali la tassazione, i contributi in solido e in rilancio. Da noi, invece, le misure sono lievi e con il falco delle tasse pronto a colpire”.

 

Il governo italiano ha dato vita ad uno Comitato economico che ha coinvolto personalità vincenti nel mondo delle aziende. Come è possibile che queste esperienze internazionali non portino a programmi di lungo periodo?

 

“Sono sempre gli stessi che, con nomi diversi, delineano le strategie e le azioni da intraprendere per salvaguardare lo status quo. E’ l’ennesima versione dell’auto sublimazione. Ricordiamo che il Presidente Draghi è riconosciuto da tutti come l’uomo delle istituzioni finanziarie internazionali, non certo il buon padre di famiglia che pensa a tutto il paese”.

 

Europa grande assente

 

“Di sicuro Germania e Francia hanno toppato. Già il fatto che non siano stati resi pubblici gli accordi con le case farmaceutiche fa pensare a segreti di stato e questo alimenta i sospetti di chiunque sull’etica delle istituzioni. Un consiglio agli italiani per non farsi fregare dai saputelli e iene di turno: meno partite di calcio, meno Isole dei Famosi e più puntate di Report. La prossima volta che scenderete in piazza saprete in modo ben più preciso il perché”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21414 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.