Stefano Vergani (RES) sulle inefficienze della Regione Lombardia

res



Gli indici di contagio ancora alti, il caos vaccini, il lockdown ancora ferreo, stanno letteralmente creando situazioni ingestibili e, così, la tensione della gente aumenta così come il sentimento di scarsa fiducia nell’opera del Governo e delle autorità territoriali.

 

Parlando di Sanità e sapendo di come la Regione Lombardia si sia sempre vantata della sua superiorità morale ed efficienza organizzativa, dopo gli ultimi scandali e il caso ARIA abbiamo voluto conoscere dalla viva voce dei lombardi la loro idea sull’argomento. Abbiamo interpellato, così, Stefano Vergani, il presidente di RES  (www.terzares.org) che, sia per la presenza sul territorio dove è stata fondata sia per l’osservatorio privilegiato e non legato a vincoli mediatici, può offrirci un contributo diretto.

 

Presidente Vergani, cosa pensano i lombardi sulla questione pandemia, sulla quasi irreversibile zona rossa e sul caos vaccini al di là di quello che i media raccontano?

 

“I lombardi sono stanchi di questi annunci propagandistici che i partiti in maggioranza utilizzano per incensare le loro presunte qualità etiche e di capacità lungimiranti.  C’è una quasi totale disaffezione dei lombardi a qualsiasi movimento politico. I lombardi si sentono stretti in una morsa quasi invalicabile di un potere legislativo che mette sempre sotto i riflettori elettorali i soliti partiti che, sebbene giornalmente litighino, alla fine si spartiscono, a turno, i propri interessi politici, sociali e quant’altro. Purtroppo è un tema ricorrente anche a livello nazionale ed è uno dei motivi per cui il calo costante di votanti alle elezioni fa il gioco dei partiti. In Lombardia la pandemia ha acuito il malessere tra elettori e politica. E’ vero anche che una pandemia di questa portata avrebbe messo in difficoltà anche le organizzazioni più efficienti al d là del colore politico. Ma in questi 2 anni la impreparazione, la incapacità e la propensione al dolo che ha mostrato la maggioranza Lega-Forza Italia è sotto gli occhi di tutti”.

 

Tra i ribaltoni degli assessori, la giubilazione dell’Assessore Gallera, la sostituzione in corsa con la Moratti e l’arrivo di Bertolaso, sembra che non ci sia fine al caos istituzionale

 

“I problemi partono da lontano, dall’epoca in cui era Governatore Formigoni, che ha plasmato gli interessi dei singoli e dei poteri forti legati al movimento CL (Comunione e Liberazione ), fino a quando la magistratura non ha potuto compiere il suo dovere di spezzare le reni a chi, nascondendosi dietro al crocefisso, non ha fatto altro che rovinare la sanità pubblica. Il colpo finale lo ha dato l’era Maroni, l’uomo più sbagliato nel posto sbagliato, che, in comunella con la banda ex Formigoni, ha dato il colpo di grazia. L’avvento di Fontana e l’assemblaggio (spartizione) di interessi tra i compagni di merende ha ulteriormente affossato le cose: dalla formazione alla sanità, dalle imprese al sociale, dalle Ferrovie Nord alle partecipate e via discorrendo c’è stata una spartizione che nemmeno l’ex squalo Umberto Bossi avrebbe mai immaginato”.

 

Secondo RES l’indirizzo di gestione della maggioranza verde azzurra è fallimentare?

 

“I fatti parlano da soli. In Lombardia c’è gente che non ha né la statura morale né le capacità istituzionali di delineare strategie ed operatività al livello minimo per gestire gli interessi di tuti. Aggiungiamo, poi, gli scandali che hanno investito direttamente il Presidente Fontana (in un paese normale chiunque al posto suo si sarebbe dimesso). D’altro canto non pensiamo che l’opposizione sia nelle condizioni di ribaltare le cose. Il PD, dopo la disastrosa gestione dell’avido Renzi, ha perso quasi tutta la sua credibilità ed il sistema delle giovani promesse, purtroppo viene sempre visto dai lombardi come il burattino manovrato con la poca sagacia dagli Zingaretti o Letta di turno. Ci vogliono, in realtà, persone nuove, persone rispettabili, persone non contaminate dalla politica malata degli ultimi 25 anni. Ci vuole anche una Regione Lombardia fatta di elettori meno sfiduciati e più redenti e consapevoli”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21414 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.