Una vergogna Mondiale

mondiale



La notizia sportiva del momento è che l’Argentina, nella gara d’esordio contro l’Arabia Saudita ha perso 2-1. A detta di tutti un dramma, specie per il sette volte pallone d’oro Lionel Messi.

Continua, insomma, la farsa intorno a questo mondiale di calcio.

Il vero dramma è, invece, nel come si è arrivati a questa edizione e sul luogo scelto.

The show must go on

Nel febbraio del 2021 un’inchiesta del The Guardian ha rivelato che sarebbero morti almeno 6500 lavoratori migranti nei cantieri del mondiale. Morti che, però, di fronte al business che gira intorno alla palla di cuoio sono sprofondati in un silenzio assordante. The show must go on!

Business is business

Show che ha avuto come prologo le parole di Khalid Salman, l’ambasciatore dei mondiali: “Essere gay è una malattia mentale. Molte cose entreranno nel Paese, parliamo di gay. Tutti accetteranno che vengano qui ma dovranno accettare le nostre regole”. Al di là di una piccola indignazione non si è andato; business is business!

Pecunia non olet

Le nazionali di Inghilterra, Galles, Belgio, Danimarca, Svizzera, Germania e Olanda avrebbero voluto indossare con i propri capitani la fascia arcobaleno One love, pro Lgbtq+. La Fifa, però, si è risentita e ha minacciato ammonizioni per chi in campo avesse indossato una fascia diversa da quella di ordinanza. Così la nota Fifa: “Siamo a favore dei diritti Lgbtq+ e sosteniamo la campagna One Love. Ma i capitani da regolamento devono vestire la fascia fornita dalla Fifa”. Pecunia non olet!

Potere del dio denaro

Il 25 novembre sarà la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Orbene, in Qatar c’è un sistema normativo che richiude la donna in una “tutela maschile” tant’è che quasi tutte le scelte di vita devono essere approvate dalla figura maschile della famiglia.

Alle donne in Qatar non è permesso di avere un autonomia: nel matrimonio le donne possono sposare solo un uomo (previa autorizzazione di un tutore maschio) mentre gli uomini hanno il diritto unilaterale di sposare fino a 4 donne alla volte senza chiedere il permesso a nessuno, neanche alla moglie o alle varie mogli.

Le donne, poi, possono divorziare presentando una domanda specifica al tribunale e presentando motivi limitati, mentre gli uomini possono divorziare senza interpellare alcun tribunale e, addirittura, senza informare la moglie o le mogli dell’intenzione. La donna è responsabile della cura della casa e dell’obbedienza al marito, e non ha molti diritti riguardo ai figli poichè non può conferire la propria nazionalità agli stessi così come avviene per gli uomini. In Qatar non esiste una normativa che criminalizza la violenza domestica. Nel campo lavorativo le cose non migliorano: le donne, infatti, sono pagate dal 25% al 50% in meno rispetto agli uomini. In Qatar è permesso l’aborto per anomalie fetali, ma la donna deve chiedere sempre il consenso del padre o del marito.

Un paese, quindi, dai risvolti medievali in tema dei diritti; nonostante tutto ha avuto l’onore di organizzare i mondiali del gioco più amato. Potere del dio denaro!

Indovina chi

Per nostra fortuna viviamo in Italia. Indubbiamente i diritti garantiti alle donne ed alla comunità LGBTQ+ sono ampiamente maggiori rispetto a quelli del Qatar. Ma non è tutto rose e fiori. Il WEF ha pubblicato l’annuale report “Global Gender Gap Index”, che misura in 146 Paesi il divario di genere in termini di partecipazione economica e politica, salute e livello di istruzione. Nella graduatoria globale del 2022 l’Italia risulta sessantatreesima.

Indovinate chi hanno detto queste frasi:

– “Da un lato l’indebolimento della famiglia e la lotta per i matrimoni gay e la teoria del gender nelle scuole, dall’altro l’immigrazione di massa che subiamo e la contestuale emigrazione dei nostri giovani all’estero. Sono tutte questioni legate e interdipendenti, perché questi fattori mirano a cancellare la nostra comunità e le nostre tradizioni. Il rischio è la cancellazione del nostro popolo. L’aborto è la prima causa di femminicidio nel mondo”.

Abdul Nasab Salman? No, Attilio Fontana.

– “Stiamo sempre a parlare di lesbiche e di omosessuali. In fondo…che ha fatto? Aveva solo il difetto di essere gay”.

Khalid Abboud? No, Silvio Berlusconi.

– Se tuo figlio fosse gay? “Preferirei di no”.

Karim Hajji? No, il “presidente”.

Resta la consolazione che da noi non solo non si organizzano i mondiali ma neanche qualifichiamo la nostra nazionale per disputarli…

var url404022 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=404022”;
var snippet404022 = httpGetSync(url404022);
document.write(snippet404022);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar photo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 24520 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.