Palazzotto: “Con Vendola il tempo è stato galantuomo”

vendola



Conosco Nichi Vendola da tanti anni e so quanta passione e quanto amore ha messo nel governare e, permettetemi di dire, nel far rinascere la sua terra.

Nichi è il primo e forse l’unico politico italiano che ha provato ad affrontare seriamente una crisi complessa come quella dell’Ilva.
Si è battuto per tutelare contemporaneamente gli interessi del lavoro, dell’ambiente e della salute dei cittadini.
Ha fatto approvare la legge anti-diossine più avanzata in Europa, ed è grazie a quella legge se oggi si hanno i dati che dimostrano l’impatto della produzione industriale sul territorio di Taranto.

Probabilmente se avesse fatto come chi, prima e dopo di lui, di quel dossier non si è mai occupato, nel 2013 non avrebbe subito il violento attacco mediatico e politico durato mesi e amplificato sui social media da diversi quotidiani.

Oggi il Tribunale di Bari, con 5 distinte sentenze, ha condannato “Il Fatto Quotidiano”, “Libero”, “Il Giornale”, “Il Giornale d’Italia”, Alessandro Sallusti, Maurizio Belpietro Francesco Storace, e altri giornalisti a risarcire Nichi Vendola del danno subìto a causa della campagna di diffamazione.

Resta aperto un processo che sono sicuro accerterà non solo la sua totale estraneità ai fatti contestati, ma anche lo straordinario impegno per la sua terra e per Taranto.

Il male si diffonde col vento. La Verità è capace di viaggiare controvento.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22316 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.