Lezzi: “L’amministratore delegato dell’Ex-Ilva, Lucia Morselli, calpesta i diritti dei tarantini”

epifani



Così la senatrice Barbara Lezzi sulla sua pagina Facebook:

L’amministratore delegato dell’Ex-Ilva, Lucia Morselli, calpesta i diritti dei tarantini e offende la memoria dei morti della città. A nome del governo parla la Morselli forte dei soldi pubblici che riceve. Comanda lei, decide lei. Draghi e i ministri tutti zitti.
Alcuni giorni fa, in un convegno dell’associazione Italiana di Epidemiologia, è stato presentato uno studio in cui si dichiara che, nei quartieri più vicini alla fabbrica, la percentuale di mortalità è superiore del 70% rispetto al resto della Puglia.

La Morselli si difende con menzogne e arroganza

Le uniche armi che ha di fronte a studi e dati di fatto. Sostiene che l’aria di Taranto sia più pulita di quella di Milano. Ma la signora dell’acciaio non dice che a Taranto, insieme alle polveri sottili, viaggiano gli agenti cancerogeni come il benzo (a)pirene. In poche parole, il problema che rende più mortale che altrove l’inquinamento a Taranto sta nella composizione delle polvere sottili.
Ci si ritrova nuovamente a constatare la spocchia con la quale si vogliono colpevolizzare i tarantini perché chiedono di essere inclusi negli elevati proclami di Speranza in cui rivendica il diritto alla salute sancito in Costituzione come diritto fondamentale.
Giorgetti ha promesso altri soldi pubblici per l’ex-Ilva ma nessuno al governo si sta ponendo la risoluzione dell’annosa questione della convivenza della fabbrica con la città. Anzi, si continua a mantenere un’interlocuzione privilegiata con questa amministratice che licenzia operai per i post su facebook, che ne sospende altri perché rei di essersi salvati la vita durante un incidente sul lavoro e che offende intelligenza, dignità e diritti di un’intera città.

Lo dico da sempre

Lo dico da sempre, l’ho detto a tutti i Governi prendendomi tutte le responsabilità e le risapute conseguenze e lo continuerò a sostenere anche ora che un governo che guida uno Stato civile non deve avere a che fare con gente di questo genere e non può permettere che la gente muoia a norma di legge.
In caso contario, andassero tutti a vivere al posto dei migliaia di tarantini, andassero a crescere lì i propri figli dal momento che l’aria è buona e pulita.
Ai giornalisti di sinistra che fanno il compitino per mettersi l’anima in pace raccogliendo fondi per gli ospedali, dico che Taranto non può essere salvata solo con reparti oncologici ma con una seria riconversione che preveda la chiusura dell’area a caldo. Solo quest’azione, portata avanti con visione e audacia, potrebbe rinfrancare la coscienza, tutelare la salute e garantire lavoro sicuro e di qualità.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22075 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.