Scanzi: “La sentenza di primo grado sull’Ilva è enorme e ha connotazioni storiche”

ex ilva



Così Andrea Scanzi sulla sua pagina Facebook:

La Corte d’Assise non ha avuto dubbi: quello provocato dall’Ilva di Taranto, gestita dalla famiglia Riva, fu un disastro ambientale.
Severissime le pene agli ex proprietari e vertici dell’acciaieria, così come ai politici e agli uomini delle istituzioni coinvolti.
22 anni di reclusione a Fabio Riva e 20 al fratello Nicola. Il responsabile delle relazioni istituzionali, Girolamo Archinà, definito dall’accusa come la “longa manus” dei Rivaverso istituzioni e politica, è stato condannato a 21 anni e 6 mesi, sei mesi in meno all’allora direttore dello stabilimento Luigi Capogrosso.

Governo ombra dei Riva

Ai principali fiduciari dell’acciaieria (Lanfranco Legnani, Alfredo Ceriani, Giovanni Rebaioli e Agostino Pastorino) considerati una sorta di “governo ombra”dei Riva, sono stati inflitti 18 anni e 6 mesi di pena, mentre l’ex governatore Nichi Vendola, accusato di concussione aggravata in concorso, ha ricevuto una pena di 3 anni e 6 mesi. Tre anni all’ex presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido, accusato di aver fatto pressione sui dirigenti della sua amministrazione perché concedessero l’autorizzazione all’Ilva per l’utilizzo della discarica interna alla fabbrica. Stessa pena per per l’ex assessore provinciale all’ambiente Michele Conserva.
Pene durissime per un reato orribile: disastro ambientale. Che ha mietuto vittime innocenti a Taranto. E purtroppo le miete ancora.

var url178967 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=178967”;
var snippet178967 = httpGetSync(url178967);
document.write(snippet178967);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22048 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.