Lezzi: “Mi ribello a questo stato di cose”

lezzi



Nel corso di questi anni, nei periodi in cui la stampa si è dedicata all’Ex-Ilva per il timore della continuità della produzione, ho sentito molto spesso alcuni commentatori esultare per la mancanza di una sentenza che avesse messo nero su bianco le responsabilità dei Riva (ex proprietari) e della politica.
Oggi quella sentenza è stata scritta. Associazione a delinquere finalizzata al disastro ambientale, omissione di cautele sui luoghi di lavoro, avvelenamento di sostanze alimentari, corruzioni in atti giudiziari, omicidio colposo e altre imputazioni hanno prodotto decine di anni di condanne a diversi esponenti della politica, delle Istituzioni e dei Riva.

La salute dei tarantini

Ora, ditemi voi, se non è questo il momento, per tutta la politica, di prendere in carico la salute, la vita e il lavoro dei tarantini. Voglio ricordare che le morti dei bambini di Taranto sono sempre state subordinate alla presunta strategicità della fabbrica, lo strazio dei calvari dei malati oncologici ha ricevuto come risposta il “beh, ma i posti di lavoro?”.
Nel tempo si è preferito elaborare norme che concedevano immunità penali e amministrative. Immunità che venne abrogata durante il Conte 1. Un piccolo passo, insufficiente lo so, ma pur sempre l’inizio del percorso dell’ingresso dello Stato nella fabbrica che ora deve garantire il diritto fondamentale alla salute sancito nella nostra Costituzione e che deve valere anche per i tarantini.
Decessi da indignazione minore, incidenti mortali sul lavoro con poca carica emozionale, strage da scarsa ribalta mediatica. Questa è sempre stata Taranto.
Ora, però, sono cambiate molte cose e, grazie a questa sentenza si hanno ulteriori certezze. Nessun alibi, nessuna complessità, nessun contratto potranno giustificare la politica se non fermerà questo massacro. Ci sono i soldi, c’è lo Stato dentro la fabbrica che può scegliere da che parte stare, ci sono tutte le condizioni per chiudere l’area a caldo e avviare una veloce riconversione economica e ambientale di quel territorio.

Vite spezzate

Non ci restituirebbero le vite spezzate ma la responsabilità delle scelte future potrà donare sollievo al dolore che accompagna le famiglie dei morti.
Vendola, che è tra i condannati, è indignato, ha avviato la gogna contro i giudici. Si ribella. Io no, mi ribello a questo stato di cose, mi ribello contro chi vuole intimorire i giudici solo perché sono stati costretti ad intervenire lì dove la politica si è girata dall’altra parte nella migliore delle ipotesi e si è resa complice nella peggiore.
N.B. So perfettamente che sarò attaccata per questo post e, quando si parla di ILVA, sarò bersaglio sia di chi la vuole aperta che da chi la vuole chiusa. Sarò oggetto di insulti sia da parte di chi mi accusa di attentare allo sviluppo industriale del Paese che da chi voleva da me tutte le soluzioni in 13 mesi di governo e pur non essendo ministro competente. Io vado avanti comunque perché, chi mi conosce, sa bene quello che ho fatto.

var url178848 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=178848”;
var snippet178848 = httpGetSync(url178848);
document.write(snippet178848);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22263 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.