10 dicembre 2016

Padre Fortunato a Radio Cusano Campus: “Se qualcuno voleva affondare il sinodo non ce l’ha fatta”

Padre Enzo Fortunato, direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Notizia sulla salute di Papa Francesco. “Il caso è stato smontato dalle parole di Padre Lombardi e del Dottor Fukushima –ha affermato Padre Fortunato-, credo non ci siano più parole da spendere per smentire le notizie diffuse sulla salute del Pontefice. Le recenti precisazioni del giornale in questione, mostrano che c’è stata un’imprudenza nel trattare la situazione. Complotto? Io non amo i retroscena, che poi sempre vengono smentiti. Ho letto con attenzione l’editoriale del direttore del QN che non ha smentito la notizia, l’ha precisata, però ha detto di non leggere tutto come complotto, perché sarebbe sbagliato. A me piace leggere i fatti distintamente. Il Papa sta andando avanti, il Sinodo si sta per concludere quindi se qualcuno voleva affossare il Sinodo non ce l’ha fatta. Vedo un Papa molto lucido. I risultati del Sinodo sono molto positivi, è normale che all’interno della Chiesa ci siano anche opinioni diverse rispetto a quelle del Pontefice. La cosa bella di essere cristiani è che non siamo fotocopie ma persone singole che hanno un pensiero indipendente. E’ giusto che tutte le idee vengano espresse e poi si mettano insieme”.

Papa Francesco ha riavvicinato i cristiani ‘tiepidi’ alla Chiesa. “Ogni Papa ha la sua peculiarità –ha spiegato Padre Fortunato-, questo Papa con il nome che ha assunto ha dato un indirizzo preciso alla Chiesa, riproponendo gli insegnamenti di San Francesco. Ha fatto breccia soprattutto in quella parte di cristiani tiepidi, li ha riavvicinati. Un Papa che dice che la parola d’ordine è misericordia, ha risvegliato aneliti profondi nell’uomo. Ad Assisi c’è un 12% in più di pellegrini, vediamo una maggiore partecipazione alla confessione e all’eucarestia”.

Fonte: Radio Cusano Campus