Danilo Toninelli
Primo Piano

Toninelli: “La situazione è diversa rispetto a quella di marzo-aprile”

Toninelli: “In Lombardia la preoccupazione è enorme, coprifuoco giusto ma è stato fatto perché c’è stata una cattiva gestione della pandemia, l’app immuni è stata boicottata. Salvini dice che non va scaricata perché ti traccia i dati, cosa non vera, e intanto fa le video-minchiate su tik tok. Autostrade? Mi sta venendo l’ulcera, non c’è più quell’intransigenza, quella forza politica di Stato che faccia prevalere l’interesse pubblico su quello privato. Il piano economico inviato dalla De Micheli urla vendetta. Il ministro deve avere coraggio, quando c’ero io, con tutti i miei limiti, le cose le facevo, adesso sembra che il ministero non esista più” [CONTINUA]

Fiano
Primo Piano

Fiano: “Non userei l’espressione coprifuoco”

Fiano: “Credo che bisogna fare il possibile per evitare di bloccare le attività economiche. Alcune subiranno dei danni da questi provvedimenti e andranno ristorate. Sono stati presi questi provvedimenti perché, soprattutto nelle città metropolitane, i giovani escono la sera e stanno fuori fino a tardi, quindi si cerca in questo momento di cambiare le abitudini. Va affrontata anche la questione che riguarda la mobilità mattutina verso le scuole. In questi mesi non tutto è stato fatto, ma credo che non tutto poteva essere fatto. Se avessimo fermato tutto anche in estate non avremmo avuto una seconda ondata così forte probabilmente, ma a quale prezzo? Credo che dovrebbe essere obiettivo di tutti essere uniti, sia maggioranza che opposizione. Lo scontro politico dovrebbe interrompersi in questo momento” [CONTINUA]

Pierpaolo Sileri
Primo Piano

Sileri: “I posti in terapia intensiva ci sono”

Sileri: “Soglia 2300 per lockdown? Non mi risulta, però se mi chiedete una soglia limite direi 2000-2500. Bisogna anche vedere come sono distribuite nel Paese le presenze in terapia intensiva, se ci saranno delle aree sotto pressione lì sarà necessario fare delle misure più restrittive. Coprifuoco? Laddove c’è un’impennata dei contagi, prima che il sistema vada al collasso, si procede con queste chiusure. E’ chiaro che dobbiamo osservare i numeri, quindi chiunque fa previsioni da qui a Natale sbaglia, dobbiamo essere pronti a diversi scenari. Bonaccini ha chiarito bene tutto il percorso, Regioni come Veneto, Emilia Romagna e Liguria sono modelli da seguire. Aumentare i test diagnostici, sbagliato parlare solo di tamponi. Servirebbero 300-400mila test diagnostici al giorno fra tamponi per chi è ad alto rischio e test più semplici, che puoi anche trovare in farmacia, per chi è meno a rischio. Inchiesta Iene su app Immuni? Bravo Giulio Golia, ho girato i suoi quesiti a chi di dovere, attendo risposte, sarò molto duro con chi non ha fatto quello che doveva. In famiglia serve buonsenso. Il vaccino che uscirà avrà efficacia sia nell’immediato sia a lunga durata” [CONTINUA]

Maurizio Lupi
Primo Piano

Lupi: “Sto bene, sono asintomatico”

Lupi: “Bisogna sempre scommettere sulla libertà, quando la libertà si comprime c’è una reazione al contrario. Bisogna evitare di fare appello solo alla paura e spiegare le cose. Condivido che non possiamo permetterci un altro lockdown, non condivido che ci sia un continuo delirio normativo. Mi sarei aspettato un coinvolgimento maggiore del parlamento da parte del premier. Ultimatum a palestre? Mi ha stupito questa dichiarazione urbi et orbi del premier, ormai abbiamo un nuovo Papa, o vi sono dei dati sul contagio nelle palestre, delle evidenze scientifiche, oppure questo ultimatum non ha senso. Coprifuoco? In questo momento si deve chiedere la collaborazione dei sindaci, non si può fare scaricabarile.” [CONTINUA]