Dall'Italia

Bongiorno (Ministro PA): “Al Cardarelli fatti di gravità inaudita”

Bongiorno (Ministro PA): “C’è un vero e proprio sistema di solidarietà fraudolenta da sradicare. Privacy sistema biometrico? Ho previsto un nuovo sistema che permette di trasformare i dati sensibili delle impronte digitali in caratteri alfanumerici, in modo che i dati non siano visibili e venga tutelata anche la privacy. Codice rosso? E’ un pezzettino di miracolo. Castrazione chimica? E’ una misura civile e utile, che la Lega intende portare avanti” [CONTINUA]

Dal Mondo

Menotti Lippolis (Confindustria Sud): “A tanti giovani manca la volontà di formarsi e lavorare”

Menotti Lippolis (Confindustria Sud): “Disoccupazione al sud? Siamo legati da burocrazia e da una politica ferma, che sta lì a litigare per avere un 1% in più, è un teatrino. Io sbloccherei subito tutti i cantieri. In Italia, soprattutto queste ultime generazioni, pensano che il risultato finale, il grande traguardo, si possa raggiungere senza fare fatica. Col reddito di cittadinanza non costruiamo un Paese laborioso. Così si costruisce un Paese comodo che avrà una disoccupazione in aumento, un Paese in cui i giovani stanno lì ad aspettare la prebenda oltre agli ammortizzatori sociali dei genitori e dei nonni” [CONTINUA]

Attualità

Caso Orlandi, il fratello Pietro: “Dopo 36 anni Emanuela è ancora un’arma di ricatto”

Pietro Orlandi: “Dopo la farsa delle tombe vuote al teutonico e la figuraccia mondiale fatta dal Vaticano, sabato 20 luglio sarò presente all’apertura di due ossari. È sempre più chiara l’esistenza di una faida interna alla santa sede: ci sono due o più anime che si fanno la guerra. Dopo 36 anni Emanuela è ancora un’arma di ricatto per qualcuno e magari questo può aiutarci per arrivare alla verità. La strada è tracciata e non possono tornare indietro”

[CONTINUA]

antonio di pietro
Dall'Italia

Di Pietro: “Quando morì Falcone, tutti sapevano che sarebbe toccato a Borsellino.”

Di Pietro: “Il giorno del funerale di Falcone, io mi recai da Borsellino e lui mi disse: Antò, dobbiamo fare presto perché manca poco. Nel mio caso, la mia famiglia fu trasferita all’estero, avevo la mia casa controllata 24 ore su 24. Per Borsellino perché non l’hanno fatto? E’ una cosa che non ha senso e non ha logica, se non quella di pensare: speriamo che non succeda, o magari: speriamo che succeda. Agenda rossa? Di aspetti specifici ho parlato già coi servizi di sicurezza, nelle sedi giudiziarie opportune. Quel che posso dire è che a mio avviso quel che è successo lì sta in quel rapporto mafia-politica che aveva coinvolto tutta l’Italia. A Milano hanno cercato di fermare chi indagava con la delegittimazione, a Palermo con l’omicidio” [CONTINUA]

sergio pirozzi
Dall'Italia

Pirozzi: “Ricostruzione post terremoto: serve la politica del fare”

Pirozzi: “A Mattarella dirò che sarà il caso che chiuda dentro una stanza il governo, il commissario, i presidenti di Regione, che se le suonassero di santa ragione, ma che poi uscissero con un piano condiviso. Se servirà al presidente un supporto fisico, io ancora oggi sto in forma e se vuole incominciamo a dare degli scapaccioni, comincio a menare a tutti. La polemica sul commissario non è stata una bella pagina, lui è un grande professionista ma purtroppo non conosce i territori. Avrei dato 10 anni della mia vita per diventare presidente di commissione, la politica non ha voluto” [CONTINUA]

Dall'Italia

Barbagallo (Uil): “Incontro al Viminale? Nessuno può dire che non sapeva”

Barbagallo: “Il 1 luglio abbiamo chiesto a Conte e Di Maio di calendarizzare riunioni e stabilire le priorità, stiamo ancora aspettando. Ho incontrato Di Maio alla festa degli agenti della Penitenziaria e gli ho detto: noi stiamo ancora aspettando. E lui ha risposto: ora gli daremo una svegliata. Si vede che si svegliano tardi. Se hanno problemi tra di loro, se li sbrighino tra di loro. Di Maio polemico perché c’era Siri? Quando il governo ci convocherà dovrò mandargli una mail per chiedere se c’è qualcuno indagato o se c’è qualcuno cretino e io non voglio parlare con un cretino. D’ora in poi glielo faccio vedere io con chi parlano. Se Di Maio ha coraggio faccia la crisi di governo, il problema è che poi resterebbero disoccupati. Siamo contrari a flat tax e salario minimo. Sull’immigrazione ho fatto incazzare Salvini, gli ho detto che fra un po’ deve preparare i gommoni per andare a prendere gli immigrati visto il crollo demografico” [CONTINUA]

Dario Corallo
Dall'Italia

Corallo (PD): “Le assemblee del PD sono diventate uno show per i soliti noti”

Corallo (PD): “Prima almeno c’era anche un dibattito. Io non ho potuto parlare, sono stati tagliati 25 interventi. La cosa curiosa è che io mi ero prenotato per parlare la mattina presto appena arrivato, vuol dire che qualcun altro s’era prenotato in maniera privata nei giorni precedenti. Inoltre tanti iscritti arrivati da tutta Italia non hanno potuto parlare, perché dovevano parlare Cuperlo, Verducci e i soliti. Noi non stiamo governando ma facciamo un programma di governo, bisogna invece avere una linea politica, una precisa visione del mondo. Salvini bombardava col messaggio ‘Prima gli italiani’ ed è arrivato al 34%. Noi invece stiamo lì a fare proposte, ma la somma di proposte non fa linea politica. I più importanti nel partito sono quei dirigenti locali che non si conoscono, che sono noti solo nel piccolo Comune, che passano da una maggioranza all’altra con una disinvoltura che fa più spavento che schifo. Nell’ultima assemblea è stata lanciata la costituente delle idee dove Zingaretti dice: chiamiamo le migliori menti del Paese a dirci le loro idee. Il punto è che non ci servono le migliori menti del Paese. Ci serve ascoltare la persona normale che si sente tradito dal partito” [CONTINUA]

Stefano fassina
Dall'Italia

Fassina: “Sgombero ex scuola Primavalle: fallimento totale della politica e delle istituzioni”

Fassina: “Soltanto chi non è mai stato in quelle situazioni abitative può pensare che lì ci sia la pacchia”. Sull’incontro tra Salvini e le parti sociali: “Questo fa parte dell’offensiva propagandistica permanente. In un governo normale è il premier o il ministro dell’economia che convoca le parti sociali. Dopodichè non se la possono prendere con chi è andato all’incontro. Se chi ha le massime competenze sui temi economici ignora le parti sociali, è evidente che le parti sociali vanno da chi li chiama. Flat tax? Molto pericolosa, i cittadini sappiano che fare la flat tax vuol dire meno sanità, meno servizi sociali, meno trasporti pubblici” [CONTINUA]