Dall'Italia

Lippolis: “Serve un new deal per il mezzogiorno”

Lippolis: “Pizzo? Imprenditori devono subito denunciare, nel mio caso lo Stato e la polizia mi sono stati vicino. Se però gli investitori vedono che il governo non investe nel mezzogiorno penseranno che il sud è terra di nessuno. Ilva? Il toro va preso per le corna. Il governo deve capire cosa vuole, togliere lo scudo penale è stato un errore. Arcelor va ringraziata per gli investimenti sul risanamento ambientale, quando ilva era in mano allo Stato i politici, i magistrati e il territorio cosa dicevano? Solo ora che è passato ai privati sorgono i problemi. Esuberi? Capisco i sindacati ma in queste situazioni serve buon senso. In Europa l’Italia dovrebbe essere più autorevole, ma i nostri politici non ce lo permettono, servirebbe maggiore senso di responsabilità” [CONTINUA]

antonio di pietro
Dall'Italia

Di Pietro: “Non è sufficiente interrompere la prescrizione, ma è necessario”

Di Pietro: “ La riforma funzionerà dal 2024, quindi se vogliono ridurre i tempi processuali il tempo per farlo ce l’hanno. Io ministro della giustizia? Salii le scale convinto di andare al ministero della Giustizia, poi scendendo le scale mi sono trovato a quello delle infrastrutture. Chi non mi ha voluto alla Giustizia? Mi avvalgo della facoltà di non rispondere. Inchiesta Open? Non sono certo amico di Renzi, però bisogna essere obiettivi. Non ho ancora capito quale sia la violazione della legge da parte di Renzi”

[CONTINUA]

Renato Brunetta su governo
Dall'Italia

Brunetta: “Dire no al Mes, significa dire no all’Euro e all’Europa”

Brunetta (FI): “Il processo è ancora lungo e si può rinviare, bisogna prendere tempo. Oggi Gualtieri all’Eurogruppo dovrebbe dire che ci sono criticità che vanno risolte. In questo momento in Parlamento prevalgono di gran lunga i dubbi rispetto al Mes e all’intero pacchetto di riforme, ma sono dubbi per costruire un pacchetto migliore. Vorrei ci fosse una risoluzione ampiamente maggioritaria. Serve coesione. Un’Italia divisa su questo tema significa spread alle stelle, emarginazione, collocarsi in un angolo. Per un Paese come il nostro indebitato fino al collo, senza crescita, vuol dire la peggiore delle scelte” [CONTINUA]

Dall'Italia

Sileoni: “Esuberi Unicredit? Pretendiamo almeno il 50% sia compensato da nuove assunzioni”

Sileoni (segr. Fabi): “Un conto è la politica delle grandi banche, un conto è quella di Mustier che sta facendo macelleria sociale. La classe politica negli ultimi 4-5 anni è convinta che parlare bene delle banche o difendere chi lavora in banca fa perdere voti. Vorrà dire che quando sarà il momento orienteremo la nostra categoria a votare per quelle forze che ci hanno difeso” [CONTINUA]

Dall'Italia

Sposetti: “Finanziamento partiti: è un dibattito per alcuni aspetti surreale”

Sposetti: “Finanziamento partiti: molti di quelli che oggi dicono che c’è bisogno di risorse per la politica fino a qualche mese fa sparavano sulle risorse per la politica, che io chiamo risorse per la democrazia. Enrico Letta sbaglia a dire che i rimborsi elettorali hanno portato ai guasti profondi di questa società. Sicuramente i partiti non si erano controllati, ci sono stati dei fenomeni che hanno dato spinta alla campagna anti casta di Grillo e vari giornalisti. I problemi succedono quando uno non vuole controllare. Open? Qui per una fondazione si sta criminalizzando un mondo che ha reso questo Paese moderno e civile. La Lega? Ha sempre avuto una presenza sui territori, nel merito le proposte sono discutibili, ma se c’è gente che ancora va nei mercati io lo apprezzo” [CONTINUA]

Attualità

Avv. Reboa: “Rigopiano: è successa una cosa un po’ diversa da quella che stanno raccontando i giornali”

Avv. Reboa (legale famiglie vittime): “Rigopiano: questa ordinanza del gip ha degli aspetti positivi, perché nelle sue 78 pagine dice una cosa molto importante: il terremoto non è stato causa della valanga, quindi la colpa non è della montagna né delle vittime che stavano nell’albergo. Viceversa, il problema è il re delle turbine D’Alfonso la cui posizione doveva essere a mio avviso valutata in maniera differente” [CONTINUA]

Dall'Italia

Marattin: “Mes: è la discussione più surreale della storia”

Marattin (Iv): “Non è un fondo privato, non obbliga a ristrutturare il debito, non dà troppo potere in mano ai tecnici. M5S? Ho avuto l’impressione che molti di loro sapessero benissimo che il trattato non peggiora la situazione, ma la migliora. Il M5S nasce con un afflato anti-europeo molto forte, ora però che sono al governo si sono accorti che quei proclami che facevano erano sbagliati e hanno un problema di contraddizione da questo punto di vista. Emendamento su fondazioni? Sorpresi dall’esito del voto notturno, prendiamo atto che PD e M5S hanno detto che è stato un errore, anche se ci sembra strano” [CONTINUA]

Dall'Italia

Bitonci: “Mes: Abbiamo ceduto la nostra sovranità all’UE”

Bitonci (Lega): “Non dico che bisogna svincolarsi, però prima di parlare di regole rigide e di unità economica, si doveva fare una vera Europa unita dal punto di vista politico. Carcere evasori? Questa nuova legge è una misura puramente demagogica sventolata dal M5S che non avrà alcun effetto sull’evasione fiscale. La lotta all’evasione deve essere fatta attraverso controlli puntuali, incrociando i dati e abbassando le tasse” [CONTINUA]

Gianfranco Rotondi
Dall'Italia

Rotondi: “Open? Renzi per molti è un personaggio scomodo.”

Rotondi (FI): “Il problema non è la magistratura che indaga su Open da tempo e fa il suo lavoro, ma chiunque prende atti di un’indagine e gli dà un valore superiore a quelli che realmente hanno. Come dal ’92 in poi non si va in cerca dell’assassino, ma si va in cerca del delitto. In Italia prima che ci sia un delitto cerchiamo l’assassino. Il finanziamento pubblico era meglio, perché quello privato porta dei condizionamenti che non sempre sfociano in attività delittuose, ma sono comunque condizionamenti. Io sono stato tesoriere del Cdu, tempo fa c’erano regole più semplici e maggiore controllo sui tesorieri. Qualsiasi cifra spendessi sopra i mille Euro dovevo avere un via libera dalla direzione. Serve una diffusione di cultura politica. Grillo ha fatto la rivoluzione antipolitica, può darsi che la controrivoluzione la farà lui perché è molto più intelligente di quello che l’hanno seguito” [CONTINUA]