Chi è Akpa Akpro? Dalla B al primo goal in Champions in tre mesi

Chi è Akpa Akpro



Una storia di tenacia e professionalità, oltre che di indiscutibile talento, quella di Jean-Daniel Akpa Akpro da Tolosa. Fino al 31 luglio il giocatore militava in serie B con la Salernitana, società patrocinata da Lotito, dove ha giocato per due anni e mezzo consecutivi risultando fra i migliori giocatori della cadetteria. Quest’anno Simone Inzaghi gli ha dato fiducia inserendolo nel proprio gruppo ed è stato ripagato con il primo goal in Champions League di Akpa Akpro, alla sua apparizione da esordiente nella competizione.

Gli esordi con il Tolosa nel 2011 e l’arrivo a Roma nove anni dopo

L’esordio di Akpa Akpro con la maglia della Lazio era avvenuto nella prima giornata contro il Cagliari di Di Francesco e aveva sostituito Milinković-Savić per contenere gli assalti degli isolani mentre la squadra biancoceleste conduceva per 0-1, gara poi terminata 0-2 per gli uomini di Inzaghi.

La carriera di Jean-Daniel inizia però a Tolosa, sua città natale, dove muove i primi passi proprio nella squadra locale, prima con la primavera dal 2009, poi passando al Tolosa 2, e arrivando finalmente in prima squadra nel 2011. Anche in quell’occasione esordio vincente per 0-2 della propria squadra in trasferta ad Ajaccio.

Fino al 2017 con i francesi, il francese ha collezionato 121 presenze e cinque reti in Ligue 1, ma a seguito di un infortunio grave al piede destro resta svincolato e nel mercato di febbraio del 2018 la Salernitana fiuta l’affare. In Campania farà registrare 58 presenze impreziosite da due goal.

La rete del definitivo 3-1 contro il Borussia all’esordio in Champions

La rete contro il Borussia Dortmund, che ha di fatto definitivamente tagliato le gambe ai tedeschi, è una ricompensa meritata per il giocatore francese con passaporto ivoriano, che a fine luglio giocava ancora in Serie B con la maglia granata della Salernitana.

Una rete importante per la Lazio, che contro oltre ogni pronostico è andata a vincere con un ben più favorito Borussia, a quota 26,00 al 20 ottobre e fra le prime dieci candidate alla vittoria della Champions secondo le scommesse di Betway, mentre la Lazio a 101,00. Insomma un esordio con i fiocchi per il ventottenne che si sta riaffacciando ai livelli che gli competono dopo un periodo molto difficile, superato grazie alla fiducia che Tare e Lotito hanno dato al ragazzo.

Il rilancio con la Salernitana che gli vale anche il ritorno in Nazionale della Costa d’Avorio

Il 2017 per Jean-Daniel Akpa Akpro è stato forse l’anno più difficile della sua carriera. Lontano dai campi di calcio per praticamente un anno, dal 20 gennaio 2017 all’11 febbraio 2018, a causa di un grave infortunio, resta senza squadra: il Tolosa non è più disposto a credere nelle qualità del centrocampista. La Salernitana invece sì e il 12 febbraio approda in Campania ai granata, collezionerà solo cinque presenze, ma inizia il proprio recupero fisico.

Nei due anni successivi si inizia a rivedere il vero Akpa Akpro, un giocatore rapido, intelligente, molto generoso e autentico ruba palloni. In particolare, il centrocampista ivoriano si è particolarmente distinto nel campionato 2019/2020 disputato a Salerno sotto la guida di Ventura, mettendo a segno anche due reti in 31 partite. Proprio l’ultima stagione disputata a Salerno e terminata a Luglio gli è valsa la chiamata di Simone Inzaghi in Serie A con la Lazio e il ritorno in Nazionale nella partita persa contro il Giappone per 1-0.

Una storia di calcio e di professionalità: Akpa Akpro è ritornato a sorridere

La carriera di Jean-Daniel Akpa Akpro è un emblema di perseveranza e professionalità senza pari. Pensare che fino a meno di tre anni fa era senza squadra e con un infortunio pesante alle spalle che gli aveva fatto perdere ben 387 giorni di attività agonistica. La Lazio e la Salernitana hanno vinto la scommessa credendo in questo ragazzo del ‘92, così come Simone Inzaghi che a iniziato a schierarlo sempre più spesso.

Ora Akpa Akpro dovrà dimostrare il proprio valore anche con la sua Nazionale, che ha scelto nel 2014 nonostante diverse convocazioni nell’under-20 francese, con cui ha vinto anche la Coppa d’Africa nel 2015 in Guinea Equatoriale vinta al termine di una serie interminabile di tiri dal dischetto con il risultato di 9-8. Non che l’esperienza a Salerno gli avesse portato tristezza: il rapporto con la tifoseria granata è ottimo, ma il palcoscenico della Serie A e quello della Champions sono quello che si merita questo ragazzo generoso e dal grande talento.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.