5 dicembre 2016

Cofferati, SI: “Riforme costituzionali? Si assegnano poteri impropri ai partiti togliendoli ai cittadini”

 

Sergio Cofferati (Sinistra Italiana) è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it). 

In merito alle riforme costituzionali. “Ci sarà il referendum perché i contenuti della riforma sono in larga misura contestati da un’area molto vasta della politica italiana –ha affermato Cofferati-. La modifica della Costituzione fatta in questo modo è inaccettabile. L’ipotesi annunciata non ha una corrispondenza di merito, non si va al superamento del Senato, c’è solo una modifica. Si cambia un sistema imperfetto per piombare in un sistema ancora più imperfetto, dove le persone in Senato saranno elette in gran parte dal partito di maggioranza. Abbiamo bisogno di partecipazione e di coinvolgimento, non di assegnare poteri del tutto impropri alle forze politiche togliendoli ai cittadini. Se venisse attuata la riforma, l’allontanamento dei cittadini dalla democrazia lo darei per scontato, perché quando non puoi scegliere chi ti rappresenta, ti si toglie un pezzo della tua storia. Lo stravolgimento di questa storia non può che produrre ritorni negativi. La governabilità si costruisce non con le forme, con i modelli, ma attraverso la condivisione delle proposte, attraverso la buona politica. Se ci sono tante ragioni di critica da parte dei cittadini è perché la politica è inquinata da comportamenti sbagliati, da forme di reato. E quando c’è la corruzione non c’è modello politico che tenga”.

La situazione in Italia. “Vedo un Paese in grande difficoltà –ha osservato Cofferati-, che viene condizionato nei suoi comportamenti da una narrazione che non risponde al vero. Non siamo davanti alla crescita economica annunciata. Le ipotesi di crescita su cui si discute sono lontane dalla creazione di occupazione. Tenderà a crescere ancora la disoccupazione giovanile con problemi crescenti per i giovani che non trovano occupazione e per quelli che ce l’hanno ma rischiano di perderla. Di fronte a queste difficoltà, invece di raccontare ipotesi che non hanno fondamento, bisognerebbe predisporre ipotesi di crescita. Si continua a far credere che il nuovo lavoro nasca dalla flessibilità. Ce n’è già a dismisura di flessibilità, tutta sulle spalle dei lavoratori, in qualche circostanza i risultati sono modesti, in altre inesistenti. Abbiamo un sistema industriale, soprattutto nella parte manifatturiera, che sta soffrendo moltissimo anche al nord, i punti di crisi nel settore industriale sono aumentati e non diminuiti”.

Gli 80 euro per le pensioni minime. “Dare dei soldi a delle persone che ne hanno bisogno è sempre cosa utile e positiva –ha affermato Cofferati-. Il problema è che vengono presentate sempre nei momenti di difficoltà del governo, sembrano parte di una pratica volta a condizionare l’elettorato anziché a risolvere i problemi dei cittadini. E comunque parliamo di piccola cosa, purtroppo. Ci sarebbe bisogno di contributi ben diversi. Molte categorie produttive non hanno un rinnovo fisiologico dei loro contratti di lavoro, molti pensionati hanno perso potere d’acquisto perché gli è stato tolto l’aumento della pensione in base all’inflazione”.

Fonte: Radio Cusano Campus