8 dicembre 2016

Lucia Uva: “Solidarietà ad Ilaria Cucchi, le parole di Salvini? Ogni giorno veniamo violentate psicologicamente”

Lucia Uva, sorella di Giuseppe Uva, morto in ospedale nel 2008 a Varese dopo essere stato fermato da poliziotti e carabinieri e portato in caserma, è intervenuta questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Lucia Uva ha fatto il punto sulle prossime tappe processuali legate alla morte del fratello: “Il 15 gennaio c’è il dibattimento tra il pm e i miei avvocati, parleranno gli avvocati degli imputati e per fine mese, al massimo i primi di febbraio, dovrebbe esserci la sentenza. Ho pienamente fiducia in questa corte, voglio che ci sia una sentenza che stabilisca la verità. Questo è stato un processo martoriato dall’inizio, sono state nascoste delle cose, ora mi auguro e chiedo solo verità e giustizia. Se Giuseppe non è morto di farmaci e loro dicono che non è stato picchiato dalle forze dell’ordine, mi dicano come è morto mentre era nelle mani dello Stato“.

Sulla questione legata a Ilaria Cucchi: “Lei è stata massacrata come me, dal primo momento. Lo Stato doveva tutelare i nostri fratelli, ma non lo ha fatto. Per noi è una grande sofferenza, in questi momenti ammazzano i nostri cari una seconda volta. Non è possibile, dopo tanti anni, essere ancora umiliate, mortificate, da chi dice che cerchiamo solo visibilità. Io sfido chiunque a non fare ciò che abbiamo fatto noi davanti a quanto ci è accaduto. A nessuno dovrà più accadere ciò che è capitato a noi”.

Sulle parole che Salvini ha indirizzato a Ilaria Cucchi: “Le sue dichiarazioni, come quelle di Tonelli,  sono gravi. Tu non puoi dire “Mi fai schifo“. Siamo donne e loro ci hanno violentato mentalmente e psicologicamente. Basta. Ho chiesto aiuto alla Presidente Boltrini affinché cessino tutte queste violenze. Ci hanno sempre detto brutte parole. Alla mamma di Aldrovandi hanno detto che aveva allevato un cucciolo di maiale, a Ilaria che suo fratello era una larva umana drogata. Basta. Non è giusto”.

Fonte: Radio Cusano Campus