Attentati Parigi, Mario Giro: “Nessuno può dirsi al sicuro”

Mario Giro, Sottosegretario di stato al Ministero degli Esteri, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Nessuno può dirsi al sicuro. – ha affermato Giro – Queste operazioni di intelligence e di prevenzione vanno avanti da molto tempo, perché è un fenomeno molto complesso che chiama la collaborazione di tutti. Sicuramente c’è qualcosa che non ha funzionato in Belgio, dato che i terroristi venivano dal Belgio, si erano organizzati lì. Non è un problema di frontiere, ma di comunità dove si celano questi mostri e quindi di controllo del territorio. Servono risposte globali ad un problema globale. In questi momenti dobbiamo mantenere lucidità e freddezza. Non è questo il momento dei gesti inconsulti. Non è il primo attentato a cui ci troviamo davanti, conosciamo i meccanismi con cui avvengono questi attacchi e dobbiamo contrastarli a tutti i livelli. Ci vuole una risposta di politica estera e questo significa spegnere la fornace siriana, dove si producono i mostri che poi causano queste tragedie. Dobbiamo coinvolgere anche soggetti che non ci piacciono, di cui conosciamo l’ambiguità, come l’Iran, e farli sedere attorno al tavolo, perché sono utili alla soluzione. Meglio renderli parte della soluzione che del problema. La Turchia ci deve dare una mano, così come l’Arabia Saudita. E’ l’unico modo per mettere l’Isis spalle al muro. Non è soltanto una questione di mediazione. Noi siamo solidali, ma non si può andare in ordine sparso a fare ognuno la propria operazione militare. Bisogna avere una politica comune. In questo momento ci sono aerei che bombardano in Iraq e in Siria in ordine sparso e questo non va bene. Reagire in maniera inconsulta è sbagliato, ma è sbagliato l’esatto opposto: disinteressarsi di questa guerra. In questo modo anziché prosciugare il lago dove nuotano i terroristi, creiamo un mare. L’unico atteggiamento giusto è coinvolgere tutti cercando una soluzione che sia contemporaneamente politica e di sicurezza, sapendo che questo vorrà dire continuità. La politica non è abituata ad avere continuità, ma in questo caso è necessaria”.

 

Fonte: Radio Cusano Campus

I video del giorno