4 dicembre 2016

On. D’Anna, ALA: “Destra e PD devono unirsi per evitare la vittoria del M5S”

Vincenzo D’Anna, senatore di ALA, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del programma ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

D’Anna ha commentato l’assoluzione di Mannino e del processo sulla trattativa Stato Mafia: “Questo processo nasce da una barbarie legislativa, che è quella di non aver definito il reato di concorso esterno in associazione mafiosa. Questo è un reato non previsto nel nostro codice penale ma che è stato costruito su una serie di sentenze che poi si sono consolidate come prassi giudiziaria. Mannino sono quattordici anni che è sotto processo, è stato distrutto politicamente e dire oggi che si sono sbagliati, dopo averlo arrestato, assolto una prima volta e messo nuovamente in mezzo, non può bastare”.

D’Anna, poi, tra le altre cose si auspica una unione tra destra e sinistra per contrastare l’ascesa del Movimento Cinque Stelle: “Io ho preoccupazione del Movimento Cinque Stelle. Ho preoccupazione di gente che viene scelta tramite la rete prendendo nove o dieci voti. Mi fa paura perché operano aggressivamente in un regime non democratico. Casaleggio l’altro giorno ha detto che non solo bisogna buttare fuori i corrotti, ma che bisogna anche colpire i sospetti. Queste cose le facevano i giacobini. I grillini fanno i giacobini senza averne la cultura. Vogliono fare i giacobini senza avere né arte né parte. Un’alleanza tra pd e destra a Roma su Marchini per non far vincere il Movimento Cinque Stelle? Io sono d’accordo con la Lorenzin, questa non è una idea peregrina. Se il pericolo è l’antipolitica, il qualunquismo, l’approssimazione violenta e per alcuni versi eversiva del Movimento Cinque Stelle, allora è bene che quelli che non vogliono denigrare le istituzioni, ma difenderle, si uniscano. Sarebbe una solidarietà nazionale della politica contro l’antipolitica”.