3 dicembre 2016

Marrone a Radio Cusano Campus: “Mi hanno multato di 50 euro per aver lanciato i volantini ai rom”

08/07/2014 - X Legislatura - Maurizio Marrone

Torino, il Consigliere Comunale Maurizio Marrone, di Fratelli d’Italia, racconta a Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, perché ieri ha reagito provocatoriamente ad una manifestazione di alcuni rom sotto gli uffici del comune.

“C’erano alcuni rom, portati dagli esponenti dei centri sociali, che manifestavano per il diritto alla casa, ovvero per mantenere in un residence in cui il Comune li sta tenendo a spesa pubblica. Sta scadendo un appalto da 5 milioni che gli ha permesso di vivere in social housing fino a questo momento e loro vorrebbero continuare a vivere in un residence gratis. A Torino abbiamo 8000 sfratti all’anno, 4000 famiglie in emergenza abitativa lasciate senza casa popolare e poi si spendono 5 milioni per mettere questi zingari in residence sociali, lì parcheggiati, forse anche per il business di certe associazioni. Io ho voluto solo manifestare che l’unica soluzione per il problema rom sono i rimpatri, per questo ho lanciato dal balcone alcuni volantini con gli orari dei pullman per la Romania”.

Spiega ancora Marrone: “Vengono qui a provocare e a insultare, quindi devono anche stare allo scherzo. Loro ritengono di essere discriminati ma in Italia c’è razzismo al contrario. Se sei italiano in emergenza abitativa devi dimostrare un sacco di cose per avere assistenza, se sei rom invece lo Stato ti prende subito in braccio”.

Marrone è stato multato di 50 euro: “Mi hanno fatto la multa perché ho sporcato per terra. Sul verbale c’è scritto proprio ‘multato per aver steso al suolo dei volantini recanti gli orari per la partenza verso la Romania’. Lo rifarei subito, questo verbale lo incornicerò a casa mia. Quei rom sono stati mandati sotto al comune da alcune associazioni e da alcune cooperative”.

Marrone racconta poi il suo rapporto con Giorgia Meloni: “Qualcuno la vorrebbe candidata come Sindaco di Roma? Io spero che lei resti leader della destra a livello nazionale. E’ il mio amore politico, è stata il mio testimone di nozze, sarei felice se facesse il sindaco di Roma, sono convinto che avrebbe grandi qualità per rimettere in sesto la Capitale, ma spero che non abbandoni Torino”.