Scanzi: “Una figura come Brusca non può mai essere libera. Non deve mai essere libera”

brusca



Così Andrea Scanzi sulla sua pagina Facebook:

Giovanni Brusca è libero. Fu Brusca ad azionare il telecomando che fece esplodere l’ordigno che provocò la strage di Capaci. E fu Brusca a ordinare lo strangolamento e lo scioglimento nell’acido del piccolo Giuseppe Di Matteo.
Una bestia, un criminale, un uomo
Irrecuperabile e irredimibile. Questo è Brusca.
Oggi Brusca, l’efferato boss di San Giuseppe Jato, prima fedelissimo del boia Totò Riina e poi collaboratore di giustizia, è uscito dal carcere per fine pena.

“Fine pena”. “Fine pena”. “Fine pena”

Brusca ha lasciato Rebibbia dopo 25 anni, con 45 giorni di anticipo rispetto alla scadenza della condanna.
Mi hanno colpito molto le parole di Maria Falcone, sorella di Giovanni: “Umanamente è una notizia che mi addolora, ma questa è la legge, una legge che peraltro ha voluto mio fratello e quindi va rispettata. Mi auguro solo che magistratura e forze dell’ordine vigilino con estrema attenzione in modo da scongiurare il pericolo che torni a delinquere, visto che stiamo parlando di un soggetto che ha avuto un percorso di collaborazione con la giustizia assai tortuoso”.

Parole di grande lucidità, che denotano l’enormità morale di Maria Falcone

Gli altri familiari delle tante vittime del macellaio criminale Brusca hanno reagito meno serenamente, e in tutta onestà li capisco. Giuridicamente ha ragione Maria Falcone, umanamente è tutt’altra storia. Ed io, come immagino tanti tra voi, su questa vicenda non riesco ad essere distaccato.
Per come la vedo io, una figura come Brusca non può mai essere libera. Non deve mai essere libera. Brusca ha incarnato il Male più feroce. E non può esistere “fine pena” per il Male.

var url178966 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=178966”;
var snippet178966 = httpGetSync(url178966);
document.write(snippet178966);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21615 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.