Alverà: “La montagna garantisce ampi spazi se garantisse anche vaccinazione non sarebbe male”

Roberta Alverà



Somministrare la seconda dose del vaccino mentre si è in villeggiatura. La proposta arriva dagli albergatori del Cadore ed in particolare da quelli di Cortina d’Ampezzo, località turistica di montagna tra le più note non solo del Veneto, ma anche d’Italia. Roberta Alverà, presidente dell’associazione imprenditori Cortina D’Ampezzo, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Cosa succede in città”, condotta da Emanuela Valente su Radio Cusano Campus.

Le parole di Alverà

“Siccome la seconda dose è programmabile in un range che va da 21 giorni a due mesi, si può far coincidere con la vacanza in modo tale da poter fare la seconda somministrazione nel luogo di villeggiatura –ha affermato Alverà-. Noi siamo stati penalizzati da una stagione invernale che non è mai partita, ci hanno sempre tenuti sul filo fino a dirci che non ci sarebbe stata nessuna riapertura.

Adesso come tutti cerchiamo di ripartire, la montagna garantisce ampi spazi, aria pura, se garantisse anche la vaccinazione non sarebbe male. Sindaco e governatore Zaia ci appoggiano, ora mi auguro che ci sia la volontà di rendere fattibile questa proposta. Non vogliamo privilegi e sotterfugi, vogliamo che questo venga messo in campo nell’assoluta legalità.

A Cortina abbiamo già un hub vaccinale sottoforma di drive-inn che può essere attivato in pochissimo tempo. Basterebbero le dosi di vaccino e qualcuno che programmi le vaccinazioni. Abbiamo già ricevuto telefonate da clienti che chiedevano se era possibile fare la seconda dose”.

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.