Rizzolo: “Messa di mezzanotte? Il problema non esiste”

Antonio Rizzolo



Antonio Rizzolo, direttore di Famiglia Cristiana, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

Sull’impossibilità di fare la messa di mezzanotte a causa del coprifuoco

“E’ un problema che non esiste –ha affermato Rizzolo-. Nel Vangelo c’è scritto che i pastori vegliavano di notte, gli è apparso l’angelo e sono andati ad adorare il bambino. Da questo racconto risulta che sia avvenuta di notte, ma la nascita di Gesù non avviene a mezzanotte.

La messa peraltro non si chiama di mezzanotte. Liturgicamente il Natale inizia con il vespro che è alle 5 del pomeriggio del 24. Liturgicamente il 24 sera è come se fosse il 25, quindi è già Natale. Come ha precisato la Cei, è che bisogna attenersi alle regole del coprifuoco, quindi la messa della notte andrà celebrata in modo che la gente possa tornare a casa all’ora stabilita.

Tra l’altro un singolo prete a Natale può celebrare fino a tre messe a differenza di quanto avviene normalmente. La messa di Natale è sicuramente importante, ricordo però che la celebrazione più importante dal punto di vista cattolico è la Pasqua, in particolare la veglia pasquale, che di solito è molto meno frequentata rispetto alla messa di mezzanotte a Natale.

Papa Bergoglio l’ha sempre fatta alle 22 la messa, adesso magari dovrà anticiparla anche lui, ma non è un adeguamento così tragico”.

Sul Natale al tempo del covid

“Una delle cose che mi colpisce è che il Natale certamente è un momento importante tradizionalmente ed è il momento della famiglia, purtroppo quest’anno non sarà possibile viverlo pienamente. Più di altri anni ci saranno persone che soffriranno la solitudine e questo mi dispiace molto”.

Riguardo alla frase del Papa sulla proprietà privata

“Da Papa Francesco è emerso da subito un invito costante a tornare al Vangelo, anche il tema della misericordia è su questa linea. L’altro elemento è che la sensibilità di Papa Francesco è molto legata ai temi sociali. Questo discorso sulla proprietà privata va in questo senso.

La cosa interessante è che non è che sia andato ad inventarsi una cosa nuova, è una cosa che fa parte della dottrina sociale della Chiesa. Ha semplicemente ricordato che la proprietà privata non è un diritto inalienabile, è un concetto che la Chiesa propone da secoli, non c’è niente di nuovo da questo punto di vista”.

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.