Rapisarda-Barletta: “Divieti di sosta sul lungomare: servono per pedonalizzazione”

rapisarda



Andrea Rapisarda e Stefano Barletta (segretario e coordinatore di Ostia Protagonista) in una nota esprimono il loro pensiero riguardo l’istituzione dei divieti di sosta nel tratto di lungomare compreso tra Via Giuliano da Sangallo e l’inizio di Piazzale Magellano

Le parole affidate alla nota

“Gravissimo come da ieri non venga specificata la motivazione dei divieti di sosta sul Lungomare di Ostia, con centinaia di posteggi che sono stati nastrati nei tratti compresi tra Via Giuliano da Sangallo e l’inizio di Piazzale Magellano. Divieti di sosta che a detta della Polizia Locale serviranno a far iniziare i lavori della pedonalizzazione di questo tratto di lungomare, con questo percorso che potrebbe vedere l’installazione di una ciclabile su entrambi i sensi di marcia proprio qui. È ambiguo – oltre che grave – come l’Amministrazione su tali divieti non specifichi la motivazione con un foglio esplicativo, come vorrebbe oltretutto il ‘Codice della strada’ con l’obbligo di apporre il provvedimento comunale che autorizza un simile lavoro sennò pena l’inefficacia di tutta l’operazione. In sintesi, un progetto che ancora non è ben chiaro a nessuna parte della cittadinanza e che oltretutto già inizia con una totale mancanza di trasparenza.

Attualmente riteniamo come tali piste ciclabili – senza ancora nessun progetto concreto alle spalle – siano pericolose per la cittadinanza o qualunque ciclista che ne viene a usufruire. Anzitutto verranno costruite accanto all’area del marciapiede che va dal Lungomare Paolo Toscanelli a Piazza Magellano, con questi spazi che saranno divisi solamente da ben 70 centimetri di sampietrini: una condizione pericolosissima qualora ci fosse la caduta di un ciclista o persona a bordo di un monopattino o altro mezzo ciclopedonale, poiché anche sbatterci la testa comporterebbe incidenti gravissimi e attualmente nessun progetto prevede la rimozione di questo particolare lastricato romano. Ci sarebbe oltretutto da ricordare come questo tratto di strada veda in più punti degli avvallamenti, rendendo ulteriormente pericolosa quella che sarà la pista ciclabile e inserendola in un percorso tutto in pendenza. Anche l’idea di spostare tutti i parcheggi al centro della carreggiata nei tratti tra Via Giuliano da Sangallo e Piazzale Magellano comporterà ulteriori problemi di viabilità locale, in un’area che da sempre era già sensibile alle congestioni del traffico.

Oltre a un palese danno ai residenti locali e le attività commerciali della zona che vedranno il loro quartiere con un dimezzamento di parcheggi e quindi con palesi difficoltà per raggiungere le proprie case o vedere il traffico dei turisti in questo punto del territorio lidense, con un simile disegno – ancora poco chiaro per la mancanza di un progetto pubblico – ci saranno difficoltà anche per il transito degli autobus su questo tratto di strada: siamo certi che un bus ATAC possa passare tranquillamente in una corsia di transito molto ristretta? Abbiamo i nostri concreti dubbi! Si sta dando vita a un progetto poco trasparente e che oltretutto inizia in maniera goffissima, nonostante la maggior parte dei cittadini di Ostia non voglia questa pista ciclabile figlia solamente dei capricci della Sindaca Raggi e della Giunta Di Pillo nel X Municipio di Roma Capitale”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.