La ginecologa Canitano risponde a Salvini

salvini



“Vanno in Pronto Soccorso a chiedere di abortire. Non sono tante, ma esistono, certo che esistono, ci sarà l’operatore sanitario che con disprezzo lo ha detto a Salvini. “Vengono qui, vengono al Pronto Soccorso per abortire! Anche sei volte!”
Certo che vengono, anche se non così tante, anche se non tante volte come lascia intendere quest’affermazione, che fa eco al coro “le donne! Prima hanno rapporti senza riflettere e poi abortiscono/prendono la pillola del giorno dopo/fanno figli senza ragionare…”.
Esistono… e vengono mandate via, fra l’altro, qualche volta con qualche istruzione in più, qualche volta via e basta.

Sono italiane, sono straniere

Sono italiane a cui nessuno ha mai detto che esistono i Consultori familiari, disabituate a credere che la sanità pubblica esista e funzioni. Sono straniere a cui i servizi pubblici fanno storie, nonostante lavorino in regola con i contributi, perchè non hanno la residenza (gli italiani gli affittano casa a nero per non pagare le tasse). Straniere che hanno perso il lavoro e con esso la nostra assistenza, non più classificabili come irregolari, ma senza diritto alle cure. Straniere con problemi di lingua, o di comprensione delle nostre burocrazie.

Italiane in difficoltà

Italiane in difficoltà, che si vergognano di chiedere al loro medico di famiglia, che magari è un obiettore, che hanno un ginecologo a pagamento cattolico, o non lo hanno per niente, o non hanno i soldi per pagargli l’ennesima visita. Si buttano al Pronto Soccorso in preda alla paura, all’ansia, non sapendo dove andare, non trovando altro accesso alla sanità pubblica, chiedendo di essere “soccorse”. In un paese civile ci domanderemmo tutti dov’è la difficoltà per loro ad accedere ai servizi, come intercettarle, come aiutarle. Loro, come quelle che la gravidanza la vogliono portare avanti, spesso anche loro con le stesse difficoltà, spesso anche loro in Pronto Soccorso per fare le analisi “da furbe” senza pagare. Noi dal telefono di Vita di donna le conosciamo bene. “Vado in Pronto soccorso?” “No, cara, no, cerca il Consultorio familiare più vicino, dicci se ti fanno delle storie, chiamaci magari da lì.”
E anche “Non se lo mette il preservativo questo tuo fidanzato/compagno/marito o chi per lui? no eh. Dice che gli dà fastidio/che ti ama troppo/che tanto lui è così bravo…”.

Questo io lo chiamo un comportamento incivile

Mettere incinta una donna perchè non ti va di usare una precauzione, perchè disturba il tuo piacere. Cominciamo a dirlo. Salvini è un uomo. La posizione migliore per dire agli uomini di usare una precauzione, coraggio.
Al Ministro Speranza il compito di chiedersi come aiutare queste donne. (Ma nel milleproroghe non ho trovato la contraccezione gratuita…).
A noi di raccontare e lottare”.

(Elisabetta Canitano è ginecologa all’ospedale Grassi di Roma, da anni combatte per il diritto alla salute delle donne. È presidente dell’associazione Vita Di Donna, che fornisce assistenza telefonica, supporto, visite se necessario, alle donne in difficoltà h 24 gratuitamente).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 18650 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.