Ilva, Aloisio: “Ci stanno sterminando”



Maria Aloisio del Comitato Genitori tarantini è intervenuta ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sul caso ex Ilva

“Ci stanno sterminando perché qui purtroppo ogni giorno seppelliamo figli e parenti, in ogni famiglia ci sono tragedie inenarrabili. Qui Ilva ha portato solo devastazione e morte. La disoccupazione raggiunge tassi altissimi perché ha compromesso tutti gli altri comparti economici, dalla pesca al turismo. I nostri giovani sono costretti ad andare via da Taranto sia per i rischi per la salute, sia perché non c’è futuro.

A Genova l’area a caldo è stata chiusa perché nociva per la salute, qui a Taranto invece è stata raddoppiata perché ritenuta strategica. Vorremmo che ci fosse solidarietà tra mamme, quelle genovesi sanno cosa significa perché hanno vissuto sulla loro pelle la situazione. Ci chiediamo come mai i media continuino a parlare di acciaio strategico e di ricatto occupazionale perché gli operai si sono ridotti a poche migliaia. Io parlo con le famiglie degli operai dell’Ilva, tutti sanno benissimo che l’Ilva non può essere ambientalizzata.

E’ una fabbrica che cade a pezzi, è fatiscente, bisognerebbe buttarla completamente a terra e ricostruirla ex novo. Sanno anche che questa è una fabbrica in perdita, antieconomica per la reazione. Noi non accettiamo lo scudo penale, è un’offesa per i tarantini, significa calpestare ulteriormente il nostro diritto alla salute.

L’Ilva ci frena, non riusciamo a decollare in altri comparti. Gli operai non vogliono lavorare all’Ilva, a loro interessa un posto di lavoro, quindi noi abbiamo proposto il loro inserimento nei lavori di bonifica e loro sono d’accordo, previa formazione. Se il governo vuole la situazione riesce a risolverla. Chiusura dell’Ilva e bonifiche con rimpiego degli operai usufruendo dei fondi europei per la formazione.

I danni maggiori li ha fatti la politica. La nostra rabbia è rivolta ai politici che sono venuti qui solo a fare incetta di voti con delle promesse e poi arrivati al governo ci hanno abbandonati. Lancio un appello a tutti i media: venite a Taranto ad ascoltare i cittadini. Noi a Taranto non vogliamo l’Ilva aperta, c’è la volontà di chiuderla e investire in altro.

Minacceremo di incatenarci, se le decisioni del governo non saranno in linea con le richieste che la città continuamente sta facendo, ovvero la chiusura delle fonti inquinanti”.

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.