Almaviva Sicilia, annunciati 1600 esuberi



A Palermo i lavoratori di Almaviva sono scesi in piazza dopo che l’azienda ha annunciato 1.600 esuberi nella sede del capoluogo siciliano. Al corteo hanno preso parte il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore al Lavoro Giovanna Marano. “Non voglio neanche pensare – ha detto Orlando – a cosa possa succedere ed è la ragione per la quale noi oggi siamo qui, insieme ai lavoratori, per dire che Palermo è una città di riferimento in Italia nel settore dei call center. Non si può consentire, nell’indifferenza degli organi regionali e nazionali, che questo accada. Abbiamo chiesto l’intervento forte da parte del governo nazionale e ci auguriamo che anche la Regione sia accanto a noi nel formulare questa richiesta, perché occorre fare un tavolo nazionale sulla vertenza di Palermo”.
«Il Ministro Di Maio convochi immediatamente un tavolo, e poi assicuri la sua presenza visto che l’ultima volta non ha partecipato, sulla vertenza Almaviva Contact di Palermo per affrontare, e risolvere, l’emergenza occupazionale e per individuare quegli interventi strutturali necessari a non far morire un comparto, quello dei call center, in crisi da anni e che rischia di generare una catastrofe sociale che il territorio palermitano non potrebbe sopportare».

Lo afferma Erasmo Palazzotto, deputato siciliano di Liberi e Uguali a Montecitorio, commentando lo sciopero dei lavoratori di Almaviva oggi a Palermo.

«Il taglio dei volumi di traffico dei due dei maggiori committenti di Almaviva contact a Palermo, Wind e Tim, mette seriamente a rischio l’occupazione del sito palermitano, prosegue Palazzotto. Questa è solo l’ultima delle emergenze che i lavoratori e le lavoratrici palermitani di Almaviva si trovano ad affrontare a causa dall’assenza di regole certe nel comparto dei call center. Assenza che permette ai committenti, in qualunque momento, di chiudere o dirottare all’estero le attività con conseguenze drammatiche per i lavoratori. Chiediamo un intervento deciso del governo nazionale e regionale per non vanificare anni di sacrifici e rinunce fatti dalle lavoratrici e dai lavoratori Almaviva di Palermo», conclude Palazzotto.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 18863 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.