Il mondo degli adult baby spiegato dal medico in pensione “Marietto”

Mario G, settant’anni, medico in pensione, è l’adult baby più anziano d’Italia.
Ha parlato della propria ‘esperienza’ intervenendo questa mattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano.
Mario ha settant’anni ma se ne sente due: “Ci tengo a precisare subito una cosa.
Io sono un adult baby puro al cento per cento. Ci sono tanti adult baby che in realtà sono solo dei feticisti del pannolone.
Il mio nome vero è Mario però per gli amici sono o il piccolo Mario o Marietto. Mi sono accorto di essere adult baby intorno agli undici anni. Diverso tempo fa mi sono rivolto a una psicologa per cercare di capire questo mio desiderio di tornare bambino ed utilizzare oggetti della prima infanzia, come biberon, ciuccio, giocattoli e vestitini. Online ne compro tantissimi. Vederci per noi adult baby è sempre molto difficile, perchè siamo sparsi in tutta Italia.

Ci mettiamo in contatto attraverso gruppi su Facebook e Forum. Adesso, proprio perché alcuni di noi hanno deciso di venire allo scoperto e di farsi conoscere sono nati degli asili in cui spontaneamente andiamo per passare del tempo insieme. Oserei paragonare queste nursery per adult baby a una sorta di psicodramma, tutti noi ci immedesimiamo nella nostra passione, non con l’obiettivo di voler guarire, perché non siamo malati. Io mi definisco un adult baby stagionato, per il momento sono il più anziano d’Italia. Sono fuori quota rispetto agli altri. Sono in pensione, ero un medico. Ho svolto la mia attività tranquillamente, senza mai avere nessun problema. Da due anni sono in pensione e da quando ho smesso di lavorare posso chiaramente sviluppare maggiormente questo mio aspetto, posso dar più retta al piccolo Mario o a Marietto, quando ha voglia di uscire”.
Su quello che accade nelle nursery: “E’ un momento molto significativo per tutti noi, perché ci si sente ritornare proprio bambini. Veniamo coccolati dalle maestre, si disegnano alberi, si colorano album, le maestre ci raccontano delle storie, poi si fa la merenda con omogeneizzati, latte e biberon, biscottini e altri cibi da baby. I bisogni li facciamo nel pannolone, che generalmente indossiamo, anche se non è un obbligo. La mia età percepita è due anni: nel momento in cui sono il piccolo Mario ho due anni e mi comporto come un bambino di ventiquattro mesi”.

I video del giorno