Parliamo delle mie donne

Mentre l’automobile attraversa la valle, c’è solo neve attorno al piccolo paese montano dell’Alta Savoia: inquadratura della macchina da presa in soggettiva del guidatore che resta in silenzio.
La lunga vetrata della casa di montagna crea una parente invisibile tra il dentro e il fuori, tra l’universo familiare e quello sconosciuto. Il protagonista Jacques Kaminsky (Johnny Hallyday) ammira il suo parterre di macchine fotografiche e dopo un bacio d’amore- con l’agente immobiliare Nathalie (Sandrine Bonnaire)- motteggia: “Entrare in una casa nuova è come entrare nel letto di una donna, fa un po’ paura”. Lui che ha chiamato le sue quattro figlie con i nomi delle quattro stagioni. Ciascuna di loro fa cose diverse nella vita: chi amoreggia con i compositori musicali per inscenare uno spettacolo, chi lavora in ospedale, chi fa l’autostop. Padre e figlie non si vedono da anni e Frédéric -l’amico d’infanzia di Jacques- s’inventa una trovata che è la svolta del film: invita tutte le figliole nella casa in montagna per…non lo diciamo.
Fatto sta che si festeggia con gioia il 14 luglio, si brinda con tenerezza conviviale: Il gatto di casa-dans ma cervelle se promène/ainsi qu’en son appartement… le prime due quartine del sonetto” Le chat” di Charles Baudelaire- si aggira indisturbato passeggiando sulla lunga tavola.
Fuori le immagini di festa, all’interno una televisione accesa trasmette Rio Bravo (1950 regia di John Ford).Con questa citazione Lelouch certifica che la memoria storica del cinema hollywoodiano, batte quella francese 2 a 0 !Eppure chi meglio di lui sa quanto abbia dato la Francia al cinema e viceversa: dal tempo del celeberrimo “ Un homme et une Femme “ (1966), tante generazioni di uomini e donne, magari sotto la doccia, hanno canticchiano le note della colonna sonora di quel film.
In Parliamo delle mie donne la musica di Armstrong e Fitzgerald accompagna dolcemente lo spettatore nel bel mezzo di una conversazione dove spunta perfino una pistola di John Wayne.




Dichiarazioni.
Lelouch : ”Quando ho scritto il film, non avevo gli attori davanti agli occhi. Durante le riprese ho capito che le ragazze ne sapevano più di me sul loro legame d’amore” e poi” la donna per antonomasia è l’attrice Sandrine Bonnaire”.
Il regista ha dichiarato che la Bonnaire- l’agente immobiliare Nathalie che ama Jacques- ricorda Annie Girardot, che è stata la più grande attrice di tutte. E vorrei ben vedere! Nathalie è dunque l’ultima donna per Jacques? Non lo diciamo… Restano: il thriller, il vento, l’odore della neve e il silenzio.

Titoli di coda

Regia: Claude Lelouch
Attori: Johnny Hallyday, Sandrine Bonnaire, Eddy Mitchell, Irène Jacob, Pauline Lefèvre, Sarah Kazemy, Jenna Thiam, Agnès Soral, Valérie Kaprisky, Isabelle de Hertogh, Rufus, Antoine Duléry
Sceneggiatura: Claude Lelouch
Fotografia : Claude Lelouch
Montaggio: Stéphane Mazalaigue
Musiche: Christian Gaubert, Francis Lai
Produzione: Les Films 13, Rhône-Alpes Cinéma, Canal+
Distribuzione: Altre Storie

 

 

Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 240 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.