4 dicembre 2016

Migranti, Pini, Lega: “Clima da fine impero, Renzi si è infilato nell’ultimo girone dell’inferno”

Gianluca Pini, deputato della Lega Nord e membro della Commissione Affari Esteri, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

In merito alle parole di Matteo Renzi sulle sanzioni economiche ai Paesi dell’Est Europa che rifiutano i ricollocamenti dei migranti. “Il quasi ex Presidente del Consiglio, che non sa farsi rispettare neanche dai propri ministri, non può permettersi di minacciare sanzioni agli altri Paesi –ha affermato Pini-. Negli ultimi tempi la sua scarsa credibilità sul piano internazionale ha comportato un indebolimento dell’Italia nel contesto dell’Ue e della Nato. Lui sta cercando di fare la voce grossa per mascherare le sue debolezze sia sul piano esterno che sul piano esterno, ma è un canto del cigno che non sortisce nessun effetto pratico. Il referendum è una delle componenti che manderà a casa questo governo, probabilmente sarà la goccia che farà traboccare il vaso, ma mi sembra che ci sia un clima da fine impero, non che abbia la statura dell’imperatore questo signore, che comunque ha cercato di creare una sua oligarchia. Pare che lo stiano abbandonando anche quelli che solitamente si chiamano poteri forti, vedo una caduta libera della sua credibilità come uomo e come politico. Ha sempre fatto quello che portava l’acqua con le orecchie in Consiglio Europeo a favore di altri Stati membri e adesso viene a fare la voce grossa per cercare di smarcarsi da quell’immagine di servo sciocco della Merkel e di Hollande. Quando capitano queste cose vuol dire che ci si è infilati nell’ultimo girone dell’inferno dopodiché è finita la discesa”.

Fonte: Radio Cusano Campus