10 dicembre 2016

Terremoto, Storace, La Destra: “Lavorare insieme a Zingaretti per la ricostruzione, in questi casi non ci sono bandiere”

Francesco Storace, leader de La Destra, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

In merito alla ricostruzione dopo il terremoto. “Noi varammo una serie di provvedimenti che ancora oggi rappresentano un esempio –ha affermato Storace-. Nel 2000 ci fu il terremoto nella Valle dell’Aniene, avemmo molti danni alle case, alle attività commerciali e alle chiese. In particolare 9 comuni ebbero danni seri. Noi ci mettemmo a lavorare adeguatamente e riuscimmo a mettere a nuovo quei comuni rapidamente. Vogliamo proporre una legge sisma per far sì che si eviti il fenomeno dello spopolamento dei comuni. Bisogna rifare Amatrice com’era, così come Accumoli, ovviamente dotandole di adeguata copertura anti-sismica. Zingaretti sta lavorando, credo che il centrodestra debba portare un contributo fattibile a questa iniziativa della Regione per proporre alla maggioranza una legge che possa essere pilota anche nei confronti delle altre regioni. Zingaretti non è uno stupido, ha tutto l’interesse a non avere ostacoli. Non possiamo essere spettatori, non c’è un colore politico in queste situazioni. Andrò ad Amatrice quando i riflettori si spegneranno, non voglio andare lì a fare la passerella. Nel 2015 facemmo una cena all’Hotel Roma ad Amatrice. Il sindaco Pirozzi? Vedo un accanimento incredibile. Ho rispetto per la Magistratura, però sarei ancora un po’ più prudente del procuratore Saieva, far apparire Pirozzi come non so chi è sbagliato. Fate almeno posare la polvere prima…”.

Sul tema è intervenuto anche Fabio Melilli, deputato Pd ed ex presidente della Provincia di Rieti dal 2004 al 2012.

“L’adeguamento sismico dell’Umbria valeva 13 miliardi, per noi furono stanziati 60 milioni –ha spiegato Melilli a Radio Cusano Campus-. Ci si sarebbe potuti concentrare sugli immobili strategici, il 50% delle opere finanziate furono chiese. Adesso si parla molto della scuola di Amatrice. Io ero presidente della provincia quando ci fu il terremoto de L’Aquila e ci furono 300 ordinanze di sgombero, all’epoca la provincia di Rieti non fu inserita nel cratere. Marrazzo ci stanziò 5 milioni, che è una cifra irrisoria rispetto ai danni subiti. Chiediamo al governo un decreto su misura per la nostra terra. Amatrice così come Accumoli è una zona molto vincolata, bisogna fare un’operazione normativa molto attenta”.

Fonte: Radio Cusano Campus