10 dicembre 2016

Legalità, Mattiello, PD: “La politica finora non ha dato buon esempio”

Davide Mattiello, deputato del Pd e membro della Commissione antimafia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sul tema della legalità, che è stato al centro del dibattito avvenuto oggi all’Università Niccolò Cusano con Salvatore Esposito (attore della serie tv Gomorra). “Dobbiamo aiutarci reciprocamente a fare pace con il concetto di legalità, che è strettamente collegato con il concetto di libertà –ha affermato Mattiello-. Legalità è la possibilità per ciascuno di vivere la propria vita, liberato dall’abuso di potere. La legalità c’era anche nel nazifascismo, non è un totem. La legalità in ambiente democratico, costituzionale, è quello strumento attraverso il quale l’individuo viene tutelato dall’abuso di potere, dalla prevaricazione. La politica deve dare l’esempio attraverso le azioni. Purtroppo la classe politica del nostro Paese si è spesso classificata per un cattivo esempio. Il cattivo esempio in politica è anche l’ignavia, l’ignoranza, la mancanza di coraggio. Far male in politica non significa solo stare con i corrotti e con i mafiosi, ma anche ignorare l’articolo della Costituzione che parla di onore nell’esercizio della funzione pubblica. Ogni giorno ha la sua gioia e il suo dolore. Ogni giorno la cronaca ci consegna il grande lavoro delle forze dell’ordine. Non riuscirei a dire generalmente a che punto è la notte, è una notte trapuntata da molte stelle. Noi dobbiamo quotidianamente scegliere di accendere una luce in più, anziché farci tramortire dal buio”.

Infiltrazioni appalti Expo. “In termini educativi ci si deve formare a quella pazienza che non si fa illusioni –ha spiegato Mattiello-. Io non mi sono mai fatto l’illusione che una battaglia contro la mafia possa essere vinta una volta per tutte e ovunque. Questo è un mito dal quale guardarci, perché è prodromico alla creazione del mito senza macchia e senza paura, ma queste sono cose da film. Noi vinciamo alcune battaglie, altre no, ma non dobbiamo darci per vinti e scoraggiarci. Se non ci fosse stata l’attività di prevenzione che abbiamo fatto su Expo, ci sarebbero stati molti altri casi di infiltrazioni mafiose negli appalti. Non è neanche un problema di averli accanto, ma di essere criminali. Addirittura lo schema del voto di scambio tra politico e mafioso rischia di essere uno schema marginale dal punto di vista storico. Perché questo presuppone dei ruoli ben precisi tra le due parti. Invece ora le organizzazioni mafiose sono diventate talmente pervasive, che il politico lo esprimono, lo fanno, non è un interlocutore, ma è parte dell’organizzazione. La sfida è molto complicata e proprio per questo non bisogna disperare, bisogna distinguere”.