9 dicembre 2016

Strage di Dallas, Tonelli, SAP: “In Italia l’80% si fida delle forze dell’ordine”

Gianni Tonelli, Segretario del Sindacato di Polizia Sap, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Riguardo la strage di poliziotti avvenuta a Dallas. “Il quadro italiano è diametralmente opposto rispetto a quello americano –ha spiegato Tonelli-. In Italia le forze dell’ordine da oltre 40 anni godono dell’80% della fiducia degli italiani. Questo motivo di tensione quindi non c’è. Invece negli Stati Uniti, e in particolare a Dallas, ci sono motivi di tensione tra le forze dell’ordine e la comunità afroamericana. In Italia non si può parlare di razzismo diffuso, a meno che non si voglia essere strumentali”.

Sull’uccisione del richiedente asilo nigeriano a Fermo. “Quando ero piccolo i fenomeni di intolleranza in Italia erano tra nord e sud –ha affermato Tonelli-. Ora sono stati superati e i problemi si sono spostati sull’immigrazione. Questi problemi vanno gestiti e amministrati. In Italia ancora non sono stati gestiti e amministrati. Lasciare persone abbandonate a se stesse dentro delle strutture per anni, a spese degli italiani, non facilita certamente la loro integrazione. Queste persone devono avere una collocazione, devono avere la possibilità di lavorare. Se la nostra capacità ricettiva è 10 e noi prendiamo 100, non riusciamo a garantire agli altri 90 l’accoglienza. E’ chiaro che poi quel 90% può entrare in contrasto con la comunità, ma non è una questione legata a un sentimento razzista. Chi ha ucciso il richiedente asilo a Fermo è un balordo, un omicida, se si vanno a vedere i precedenti ci si accorge che è un violento. Non vedo motivi razziali, sono quelle persone che vanno a fare casino allo stadio, alla manifestazione, ecc… Va fatta una valutazione più attenta e ponderata”.

Fonte: Radio Cusano Campus