7 dicembre 2016

Gasparri: “Io e D’Alema ultimamente sempre d’accordo sulla politica”

Il capogruppo del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, all'arrivo a Palazzo Grazioli per l'ufficio di presidenza presieduto dal premier Silvio Berlusconi, questo pomeriggio 01 giugno 2011 a Roma. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato, è intervenuto su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it),  nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

L’elogio a D’Alema. “Ho apprezzato molto l’ultima intervista di D’Alema –ha affermato Gasparri-. L’ho apprezzata soprattutto quando gli hanno chiesto se avrebbe fondato un partito e lui ha risposto che non lo farebbe mai. Quelli che fondano i partiti sono i peggiori di tutti. Quelli che hanno fondato partiti e partitini, anche nel centrodestra, che fine hanno fatto? Apprezzo D’Alema che non fonda partiti, vota no. Mi comincio ad interrogare. Ci sono troppe cose su cui la penso come D’Alema. Sta migliorando lui o sto peggiorando io? Molte valutazioni politiche di D’Alema coincidono con le mie. Spesso ci incontriamo allo stadio e parliamo. La sua opinione su Renzi mi era già nota da tempo. Commentammo alcune ingenuità sull’elezione del Presidente della Repubblica, anche da parte del centrodestra. Renzi è inaffidabile, avvisai anche Enrico Letta quando era presidente del Consiglio, gli dissi che li avrebbe stesi tutti perché si vedeva che aveva una rabbia, una cattiveria, che non aveva nemmeno Berlusconi. Comunque Renzi non mi pare uno che passerà alla storia”.

Sul centrodestra. “Il centrodestra deve essere unito –ha spiegato Gasparri-. Una sintesi tra Berlusconi e Salvini, un Berluschini o un Salvoni, non è inimmaginabile. Anche Salvini capirà che il suo ruolo importante, ma che lui e la Meloni da soli non riusciranno a risolvere i problema del centrodestra. Berlusconi non ha più il potenziale di 20 anni fa e loro non l’avranno mai, però sono importanti per fare tutti insieme un’alleanza che troverà, con meccanismi di selezione dal basso e di consenso, le sue leadership future”.

Sul successo del M5S alle amministrative. “I grillini stiano attenti –ha affermato Gasparri-. Quando si vedrà chi sono, perché voglio vedere adesso la Raggi far funzionare Roma, potrebbero avere dei contraccolpi anche loro. Magari gli verrà concesso un tempo un po’ più lungo rispetto agli altri, perché sono nuovi e sconosciuti, però oggi la gente cambia con più rapidità che nel passato”.

I personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo passati da Pd a 5 Stelle. “E’ normale –ha dichiarato Gasparri-. E’ un tipico atteggiamento italiano. A me di quello che pensano Mannoia e Ferilli di politica non me ne frega niente”.

Fonte Radio Cusano Campus