7 dicembre 2016

Civati, Possibile: “Orfini doveva aspettarsi le parole di Prodi e D’Alema”

Giuseppe Civati, deputato e fondatore del movimento Possibile, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Battibecchi a distanza Orfini-Prodi-D’Alema. “Mi pare che non si parli mai di politica –ha affermato Civati-. Questa contrapposizione tra vecchi e nuovi significa che dobbiamo puntare suoi neonati se neanche i 40enni vanno più bene? Messa così è una contrapposizione sterile. La linea che tanto contestava Orfini si è manifestata con ancora più aggressività e più spostamento a destra rispetto al passato. L’uscita di Prodi e quella di D’Alema, cattivissima, Orfini se le doveva aspettare. L’idea del centrosinistra unito è stato rifiutata da Orfini. Sarebbe bello se si potesse fare, ma non c’è stata la volontà”.

Renzi segretario e premier. “Renzi è un tutt’uno –ha dichiarato Civati-, meglio che continui a fare sia il premier che il segretario, altrimenti il segretario non parla più col premier. Con Renzi le diseguaglianze sono aumentate, lo dimostra anche il voto nelle periferie. Quando sono andato in un mercato periferico di Genova, la gente diceva che non gli bastavano più neanche i 5 stelle. Questo vuol dire che più ci si allontana dal centro, più manca l’ossigeno. Non è che può vincere sempre chi è il più nuovo, bisognerebbe capire chi ha la ricetta più giusta per risolvere i problemi”.

Italicum. “Se il governo vuole cambiare la legge elettorale perché c’è il rischio che vince il M5S, allora si dovrebbe scusare parecchio –ha affermato Civati-. La questione è che la politica non può essere vissuta in questi termini, siamo alla psicosi. Non esiste che se una formula non garantisce più il promotore, allora il promotore cambia idea. L’Italicum non va bene per tante ragioni, dovrebbe essere cambiato per quelle ragioni”.

Fonte: Radio Cusano Campus