7 dicembre 2016

Legge “Dopo di noi”, Argentin si scaglia contro il no del Movimento 5 Stelle

Ileana Argentin, deputata del Pd, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Ho sentito tanti colleghi parlare della disabilità come un dramma, con le parole più scontate del mondo, senza pensare che la disabilità è fatta da persone diverse l’una dall’altra –ha affermato Argentin-. Ho sentito una retorica pietista e assistenzialistica molto forte. E’ una legge che fa cultura, dà una svolta e cambia pagina al nostro Paese. E’ la legge per il sostegno ai genitori quando diventano anziani, non ce la fanno più e vengono a mancare. Gli oppositori sono i 5 stelle che hanno votato no facendo una scelta politica, un atto pubblico. Dicono una marea di sciocchezze. Quali sono le lobby? Se un genitore decide di mettere da parte dei soldi per il proprio figlio, lo fa per un figlio normale perché non dovrebbe farlo anche per un figlio portatore di handicap? E’ una follia dire che la legge aumenta la forbice tra ricchi e poveri. Dicono che io faccio questa legge perché io ho soldi. Se io lascio la mia casa non è che posso pensare di collaborare con il settore pubblico se non faccio progetti anche per altre persone. Noi creiamo dei piccoli gruppi familiari, 3-4 persone, che possono convivere se sono compatibili. Chi ha mette a disposizione di chi non ha. Mi chiedo come mai i 5 stelle sono così sgomenti della differenza tra ricchi e poveri, quando tra i disabili tutti prendono la pensione d’invalidità. Serviva il Dopo di noi per affrontare questo tema? E’ strumentale, si dovrebbero vergognare di aver votato un no secco. Il M5S può dire ciò che vuole, ma è una vergogna pensare di candidare qualcuno alle amministrazioni degli enti locali e votare no al Dopo di noi visto che saranno gli enti locali ad applicarla”.