8 dicembre 2016

Roma – Onorato, Lista Marchini: “Meloni? Non arriva neanche al ballottaggio.”

Alessandro Onorato, Lista Marchini, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano ( www.unicusano.it ).

In merito alle dichiarazioni di apprezzamento di Bertolaso nei confronti di Marchini. “Bertolaso ha avuto un atteggiamento molto coraggioso e ha reso merito a Marchini –ha affermato Onorato-. Ho letto tante interviste di Bertolaso, ha riconosciuto al nostro movimento di aver fatto un’opposizione molto dura a Marino e se non era per noi Marino sarebbe ancora lì. Bertolaso ha reso omaggio al fatto che Marchini è l’unico che parla dei problemi di Roma. Il voto di Bertolaso vale uno come quello di tutti. Sicuramente tanto di cappello a lui perché ha avuto il coraggio di dire quelle cose in un panorama politico in cui tutti attaccano tutti. Vedrete che anche altri faranno degli endorsement a Marchini strada facendo. Io sono convinto che Marchini arriverà senza dubbio al ballottaggio, è evidente che in questo scenario qualcuno potrà avvicinarsi a lui. Capisco che lo sport romano è tirare Marchini da una parte e dell’altra, ma noi andiamo avanti, convinti che le soluzioni del passato non vadano bene. L’assessore ai lavori pubblici di Alemanno era Fabrizio Ghera, uomo di punta di FDI. FDi ha gestito due settori fondamentali di Roma: lavori pubblici e periferia e scuola. Se Roma ha dei crateri per le strade, non sarà colpa anche della giunta Alemanno? La Meloni non arriverà neanche al ballottaggio. Continuare a tirar fuori sondaggi farlocchi è inutile. Non si candida per vincere, ma per pensare al suo partito e alla leadership nel centrodestra. La discontinuità assoluta è rappresentata da Marchini. Noi abbiamo un progetto puntuale per fare in modo che i bus siano di più, più puliti. Il nostro problema è che Roma incassa meno della metà dei biglietti venduti a Milano pur avendo il doppio dei passeggeri. La città deve diventare più civile e più vivibile, lasciamo agli altri il teatrino della politica. Noi eravamo concentrati sulla riforma del corpo della polizia di Roma Capitale. Oggi un vigile urbano non è niente di più che un dipendente comunale, noi innanzitutto dobbiamo sbloccare il concorso, perché i vigili sono meno di quanti ne dovremmo avere, sono organizzati male, il comandante lo prenderei non dall’esterno ma dall’interno del corpo. Non me ne voglia Clemente, ma bisogna riscoprire l’orgoglio dell’appartenenza ad una divisa. Noi non faremo le finte rotazioni dei vigili. Se uno è disonesto ad ostia, lo è anche a Roma nord. Faremo una semplificazione pazzesca delle norme. Faremo un intervento molto importante su decoro, prostituzione. Se un sindaco volesse contrastare accattonaggio e prostituzione tecnicamente non lo può fare perché non c’è una norma adeguata, quindi abbiamo presentato una legge che permette al sindaco di avere voce in capitolo per regolamentare la prostituzione in alcuni luoghi. Non come hanno fatto Alemanno e Marino con le finte ordinanze. A che servono due-tre pattuglie dei vigili urbani davanti ai campi nomadi se non possono intervenire? Sui campi rom bisogna intervenire per ristabilire la legalità. Basta 35milioni da spendere per i nomadi, quei soldi lì la mettiamo per i disabili. Basta regali alle cooperative. Gli altri sindaci sono foraggiati da quelle cooperative, noi invece siamo autonomi quindi Marchini è l’unico veramente libero, perciò lo temono”.

Fonte: Radio Cusano Campus