3 dicembre 2016

Roma – Terrorismo, Anghinelli, Onsci: “Non siamo sicuri, un terrorista potrebbe farsi esplodere a due passi da Palazzo Chigi”

Edoardo Maria Anghinelli, presidente Onsci (Osservatorio Nazionale per la Sicurezza dei Cittadini) , è intervenuto ai microfoni della trasmissione “La storia oscura”, condotta da Fabio Camillacci su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito all’allarme terrorismo a Roma e in Italia. “Il rischio c’è e da mesi ho lanciato l’allarme sulle carenze della sicurezza in Italia –ha affermato Anghinelli-. Avevo consigliato lo slittamento del Giubileo. Le nostre forze dell’ordine, che ringrazio pubblicamente, stanno lavorando con materiali non adeguati. Il caso più eclatante è quello dei giubbotti anti-proiettile. Riguardo gli hardware, quelli che abbiamo a Roma sono obsoleti. La tecnologia legata alla sicurezza ha fatto passi avanti enormi, addirittura si possono analizzare i volti dei passanti catalogandoli con i propri dati identificativi. Abbiamo problemi di scippatori in metro, che non riescono ad essere fermati, figuriamoci cosa succederebbe con i terroristi. Non è stata fatta nessuna simulazione anti-terrorismo in Metro. Non parliamo poi della sicurezza degli ascensori. A Furio Camillo è morto un bambino, ce lo ricordiamo tutti. Non ho mai visto un body scanner all’interno dei centri commerciali. Con la pelle dei cittadini non si scherza. Non me ne vogliano i negozianti, ma ad esempio la galleria Alberto Sordi è a 100 metri dal parlamento. In una parte dello stabile, sul retro, ci sono gli uffici della presidenza del consiglio. Se un attentatore entra nel negozio di abbigliamento davanti a Palazzo Chigi, fa finta di provare un vestito nel camerino e si fa esplodere, succede l’inferno a due passi da Palazzo Chigi. Tuttora non c’è un body scanner lì. Oggi i militari vengono messi a presidiare luoghi sensibili, trasformandoli in ignari obiettivi. Denuncio queste cose da tantissimo tempo. Se finora non hanno colpito in Italia è solo una questione di fortuna o di poco interesse che i capi di queste organizzazioni hanno nei confronti dell’Italia. A mio avviso in Italia oggi non abbiamo un peso politico tale da stravolgere le linee del terrorismo internazionale. Anche il discorso del Vaticano lascia il tempo che trova secondo me. L’attentato a Bruxelles non è stato effettuato di venerdì, giorno simbolo per gli islamici. Stavolta lo hanno fatto di martedì, al giorno della ripresa dei lavori parlamentari Ue, quindi con tutti i dispositivi di sicurezza al massimo delle loro funzioni. E’ un attacco diretto alla comunità europea e al parlamento europeo. Da quando l’allarme terrorismo è stato dichiarato non ho visto alcun controllo dei centri islamici spontanei che nascono nelle periferie delle città, che di solito reclutano i combattenti per indottrinarla. Ancora non ho visto nessun controllo e nessuna retata in questi centri. Non credo che partano terroristi a sbarcare sulle coste italiane per compiere attentati, credo che siano degli individui plasmabili attraverso questi centri islamici. Non credo che Alfano abbia capito questo concetto. Ho provato a dirglielo diverse volte attraverso i giornali, ma non mi pare abbia chiaro il concetto”.

Fonte: Radio Cusano Campus