9 dicembre 2016

Roma – Marchini: “I partiti non possono più promettere qualcosa in cambio del voto, finito il patto mafioso”

Alfio Marchini, candidato sindaco a Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ecg Regione”, condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito ai tragici fatti di Bruxelles. “Questa è una guerra vera, non sarà breve –ha affermato Marchini-. Queste cose dureranno qualche anno, finchè non ci sarà un equilibrio duraturo in Medio Oriente. Finchè non si stabilizza quel quadrante, tutta la parte europea e africana sarà a grandissimo rischio. Va trovato un punto di sintesi tra Arabia e Iran, finchè non si trova quel punto di sintesi è tutto in grandissima fibrillazione”.

Su Affittopoli. “Noi lo abbiamo segnalato in tempi non sospetti –ha sottolineato Marchini-. Qui c’è proprio un problema di narrazione della realtà. Chi ha gestito questa città negli ultimi 20 anni? Come si può pensare di dare il proprio voto a chi ha ridotto la città così? Noi dobbiamo dire due cose: a chi ha avuto benefici da questo sistema clientelare non dategli più il voto, perché mancano i soldi e non possono darvi un posto in cambio del voto. Vi hanno promesso di non toccarvi la vostra casa al posto del voto? Ora non possono più garantirvelo. Questo patto mafioso ha tenuto a galla questi partiti finora. Ci fosse uno che abbia detto che è colpa sua. Questi signori erano quelli che mi attaccavano due anni fa quando in tv dicevo queste cose. Non capisco come i romani possano continuare a dargli il voto. Chi mente oggi, ha mentito ieri e mentirà anche domani”.

Sugli avversari alle elezioni. “Almeno Bertolaso lo critico sulle proposte, cerca di confrontarsi sui problemi concreti –ha affermato Marchini-. Gli altri fanno una campagna virtuale, fanno finta che sono cascati dal pero. Dovrebbero prendere, scomparire in un buco nero per quello che hanno fatto. Io ho criticato a morte Alemanno e Marino, però quelli che dicono che non conoscevano Alemanno quando stavano in cabina di regia a spartirsi tutto mi fanno sorridere e quelli che dico che non conoscono Marino quando fino a due anni fa dicevano che era l’uomo che avrebbe sconfitto le mafie. C’è connivenza tra politica e giornalisti. Perché i giornalisti non dicono: caro Pd, mi spieghi dove stavi quando succedeva tutto questo? Ci sono sondaggi che ci mettono al pari di Storace al 6%, i sondaggi sono sempre stati strumentali. L’anno scorso mi davano all’1,5% e siamo arrivati al 10%. Alla fine la gente vota lo stesso chi vuole votare. Ogni giornale spara sempre un sondaggio coerente con la sua linea, ma questo fa parte del gioco della politica, non mi offendo e non mi preoccupa. A me preoccupa l’assenza di problemi concreti. Come fai a dire che Alemanno ha sbagliato quando tu hai gestito Roma con lui per 5 anni? E ora dicono bravo Tronca, ma tu dove stavi? Noi siamo in presenza di una rivoluzione, da una parte ci siamo noi e dall’altra c’è il vecchio blocco dei partiti che ha radici ovunque e si difende a vicenda perché sente a rischio la propria sopravvivenza. Le città si amministrano con le leggi e con i regolamenti. E’ una città molto complessa, che non può decidere sui trasporti perché decide la Regione. Con la balcanizzazione del consiglio comunale sarà ancora più difficile governare”

Togliere le barriere negli stadi. “Sentire e vedere una partita senza il tifo è una cosa brutta -ha affermato Marchini-. E’ ovvio che mi batto affinchè si tolgano le barriere anche per i tifosi della Lazio. Io sono romanista, ma per me il cittadino romano è sacro, io tutelo il cittadino romano e voglio che torni l’orgoglio dell’appartenenza alla capitale”.

Fonte: Radio Cusano Campus