10 dicembre 2016

Roma – Omicidio Varani, Marrazzo, Gay Center: “Vita notturna dei gay uguale a quella degli etero”

Marco Prato, uno dei due arrestati per l'omicidio di Luca Varani, il ragazzo di 23 anni ucciso in un appartamento a Roma, in una foto tratta da Facebook. +++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO'ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L?AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++

Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito all’omicidio di Luca Varani, 23enne ucciso a Roma da Manuel Foffo e Marco Prato dopo un festino a base di alcol e droga. “E’ esagerato quello che viene detto e scritto in queste ore sulla comunità gay –ha affermato Marrazzo-. La vita notturna gay è uguale a quella etero. Ci sono pub, discoteche e locali che possono essere più trasgressivi rispetto ad altri, ma niente di più rispetto ai locali etero. Quanto è stato descritto riguarda una situazione più generale, che riguarda tutti e non solo i locali gay. Il problema di base è l’utilizzo della droga, non se un uomo si veste da donna o meno. Bisogna precisare che questo non ha nulla a che vedere con la comunità gay, ma con il problema della droga. Ci sono giovani e giovanissimi che vanno a serate dove si drogano e poi si suicidano o commettono reati. Anche col nostro numero verde rileviamo che la droga è facilissima da trovare, dalle scuole, alle università, ai locali”.

Riguardo i Chem Sex. “Festini del genere esistono dai tempi degli antichi romani che usavano l’oppio –ha affermato Marrazzo-. Li attribuiscono ai gay, ma riguardano persone che decidono di fare sesso dopo aver assunto droga, omosessuali o eterosessuali che siano. Non capisco perché se viene fatto da persone omosessuali diventa una caratteristica della comunità gay. Il problema che va risolto in Italia è quello di aumentare il controllo dell’utilizzo della droga. Che due persone possano comprare tutta quella droga di giorno, facendosela portare a casa, avendo già avuto problemi di abuso di droga, ci deve far riflettere. Le persone che fanno uso di droga dovrebbero essere sotto controllo, prima di tutto delle loro famiglie. Noi continueremo a fare diffusione di materiale informativo per l’uso consapevole delle droghe, noi faremo anche pressione col Ministero dell’interno e con le altre istituzioni per questo. La stessa cosa l’avremmo fatta anche se l’omicidio fosse avvenuto in una relazione tra persone eterosessuali”.

Fonte: Radio Cusano Campus