8 dicembre 2016

Intervista cancellata in Rai, Scialpi: “Impediscono a me e mio marito di essere come Al Bano e Romina. Nastrini arcobaleno a Sanremo pagliacciata all’italiana”

Il cantautore Scialpi è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alla cancellazione dell’intervista che l’artista avrebbe dovuto rilasciare a Domenica In con suo marito. “A Domenica In sono stato chiamato 6 volte nell’arco di 10 giorni –ha raccontato Scialpi- perché prima dovevamo fare l’intervista in un modo, poi in un altro. Ci hanno detto: “non parlate del vostro matrimonio”, poi “non parlate di unioni civili”, poi il pezzo nuovo no e i pezzi vecchi sì, poi solo il pezzo nuovo. Alla fine, dopo che avevano ufficializzato la nostro presenza, dopo un messaggio della Perego che mi diceva che era contenta di ospitarmi, hanno cancellato l’intervista. L’intervista era in diretta e questo spiega perché all’ultimo minuto è arrivato l’ordine dall’alto che ha detto di lasciar perdere. Ci eravamo accordati che avrei cantato la canzone “Pettirosso” con mio marito. La convocazione era alle 14, alle 13 è arrivata una telefonata al mio ufficio stampa e gli hanno detto che l’argomento era saltato. La canzone era fatta in modo indipendente, quindi scevra da poteri forti. Chi fa il produttore in modo indipendente in Italia ha vita dura. Si va sempre controvento, soprattutto quando c’è il vento della discriminazione. La Perego ha detto che l’appuntamento è soltanto rinviato? Di solito quando si rimanda, si dà anche la data successiva, come accade per i concerti rinviati per pioggia. Noi invece non siamo stati più ricontattati. La Perego ha detto che si sarebbe impegnata per fare la puntata, lei è una mia amica, ma non dipende da lei”.

In merito al rifiuto della sua partecipazione a Sanremo. “C’è un precedente che è Sanremo –ha affermato Scialpi-. Ho chiesto a Conti di partecipare quest’anno con la mia canzone non mi è stata data risposta. Ha letto i whatsapp che gli mandavo ma non mi rispondeva, così come l’ex direttore di Raiuno Giancarlo Leone. Potrebbe anche essere stata una scelta artistica, ma comunque avrebbero dovuto comunicarmelo come hanno fatto con gli altri colleghi. Forse invitare due uomini sposati al festival di Sanremo per loro era troppo, hanno preferito mettere i nastrini arcobaleno. E’ il contentino che si dà, quando invece il vero concetto di avere due persone sposate sul palco non è stato accettato. E’ stata una pagliacciata all’italiana, che serve per far sì che siamo tutti solidali, siamo tutti d’accordo e poi ognuno si fa i cazzi suoi. A chi prende il colpo in testa non si è solidale. Solo Saturnino, il bassista di Jovanotti, ha detto che la canzone più bella era quella di Scialpi che è stata scartata. La mia canzone parla di un travestito che si trasforma in qualcosa di più bello, colorato e libero lasciando le sue spoglie terrene. Era una cosa molto poetica per rappresentare anche una dignità di quello che viene considerato diverso. Qui siamo nel Medioevo. C’è una lancetta di tollerabilità. Prima il gay doveva andare in televisione solo se era una macchietta, se si travestiva. Poi io mi sono presentato agli occhi del mondo con mio marito. Abbiamo alzato troppo l’asticella secondo loro. Andare a cantare una canzone come Al Bano e Romina, purtroppo Scialpi e suo marito non lo possono fare. Io vorrei essere o l’Al Bano o la Romina della situazione. Di fronte a questa ottusità e questo integralismo che esiste ancora, non basta che passi una legge per far svanire di colpo la discriminazione. Lo si vede sulle donne. La discriminazione continua ad esistere al di là delle leggi, perché è un fatto mentale che prevede una negazione dei diritti altrui. Io mi sento così. Sono felice nella mia vita privata, però devo subire l’integralismo altrui. Il fatto che due uomini non possono avere un figlio mentre le donne sì. Se i maschi fanno l’amore con due donne va bene, mentre se lo fanno con un uomo e una donna sono froci”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=486&dl=7013

Fonte: Radio Cusano Campus