3 dicembre 2016

Salvini (Lega) a Radio Cusano Campus: “Cancellare reato clandestinità decisione demenziale e suicida”

Matteo Salvini, Segretario della Lega Nord, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano ( www.unicusano.it ).

Sulla decisione del governo di cancellare il reato di clandestinità. “E’ una decisione demenziale e suicida – ha affermato Salvini – Al di là dei fatti di cronaca incredibili di Colonia, che però dovrebbero servire da lezione, gli altri governi europei stanno tutti aumentano i controlli, il rigore, reintroducono i controlli alla frontiera per vedere chi entra e chi esce. Tutta Europa va nel senso di maggior verifica e rigore e l’Italia invece depenalizza: avanti tutti, cani e porci. Secondo me è una mossa contro il popolo italiano e contro gli immigrati regolari. Faremo tutto quello che la democrazia prevede per evitare questo suicidio. Ricordo che questo reato non l’abbiamo inventato in Italia, esiste dappertutto, è un deterrente che funziona ovunque, mentre invece secondo Renzi e Alfano in Italia siamo tutti tranquilli, ricchi e contenti da poter evitare questi controlli. La legge sul reato di clandestinità non veniva applicata in Italia e certa malagiustizia ha la responsabilità di questo. Ad esempio a Colonia hanno fermato una ventina di richiedenti asilo, li espelleranno. Se li avessero beccati in Italia li avrebbero espulsi?

Il mal di pancia di Ncd? Si accettano scommesse su quanto durerà il piede di guerra da Alfano, sono sicuro che fra una settimana il suo piede di guerra finirà nella fossa. Calerà le braghe come al solito come hanno già fatto i poltroniani di Verdini. Ti prendi l’aspirina e ti passa dopo un quarto d’ora. Dicono che l’Italia sia terra di passaggio, ma intanto stiamo pagando vitto e alloggio a 103mila presunti richiedenti asilo, che staranno qua almeno per un anno e mezzo prima di essere riconosciuti come rifugiati o meno. E poi se tutti i Paesi li rimandano indietro, dove tornano? Tornano in Italia, dove comunque li tengono un anno e mezzo in albergo”.

Sul caso banche. “150mila famiglie hanno passato un pessimo natale dopo essere state truffate e private dei loro risparmi. – ha spiegato Salvini – Il governo è velocissimo su immigrazione e matrimoni gay, ma quando si tratta di restituire il denaro a cittadini onesti truffati è lento. Vorrei che fossero resi noti privati, aziende, partiti, cooperative, che hanno avuto finanziamenti da queste banche. Altrimenti è lecito pensare che ci sono parenti e amici che hanno preso soldi e se li sono intascati. Se mi riferisco a Boschi? Di certo non ai parenti miei. Parliamo di Toscana, Marche ed Emilia Romagna, dove è più facile dialogare con una certa parte politica piuttosto che altre. Non vorrei che parte di quei soldi fosse finito alla politica. La Lega senza le banche domani mattina si alza dal letto tranquillamente, con difficoltà, chiedendo i soldi ai suoi simpatizzanti, ma senza chiedere aiuto a nessuna banca. Certa politica invece senza i soldi delle banche scomparirebbe domani mattina. A me serve perché ho il conto corrente, se mi chiude la banca mi apro un conto in un’altra. Mi piacerebbe che Renzi e Boschi rendessero noti i nomi di chi ha avuto i soldi da queste banche”:

Sui dati economici dell’Istat. “O sono sfortunato io che mi imbatto quotidianamente in situazioni di disoccupazione, fallimento, oppure i dati non sono veritieri – ha detto Salvini – Mi piacerebbe combattere a livello politico nel contesto di un Paese che cresce, ma purtroppo mi sembrano dati farlocchi. Calcolano come posto di lavoro in più anche una persona che nell’arco di un anno ha perso il lavoro e l’ha ritrovato 4 volte. Quello non è un posto di lavoro guadagnato”.

Sul centrodestra. “Stiamo già lavorando a un programma comune, ma ci sono dei punti su cui siamo ancora lontani. – ha spiegato Salvini – Ad esempio non c’è accordo sull’Europa. Mentre noi siamo alleati della Le Pen per costruire un’altra Europa, FI è ancora nel Ppe con la Merkel. Non pretendo che cambino idea gli altri, però per essere serio nei confronti dei miei elettori, se devo fare un minestrone devo farlo con gli ingredienti adatti. Non posso mettere insieme le carote e le fragole, perché poi il minestrone fa schifo. Non voglio avere fretta, perché le coalizioni fatte in fretta le abbiamo già sperimentate in passato. Berlusconi silenzioso? E’ abbacchiato per il Milan, come me del resto. Vediamo domani nella partita con la Roma chi uscirà con le ossa rotte. Perdere col Milan di questi tempi sarà difficile per chiunque”.

Fonte: Radio Cusano Campus