10 dicembre 2016

Gaetano Pascale, Slow Food Italia: “Non si possono mettere in discussione i dati dell’Oms”

Gatano Pascale, Presidente di Slow Food Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano” condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Non metterei in discussione i dati dell’Oms, perché altrimenti bisognerebbe mettere in discussione anche i dati sui rischi per chi fuma –ha affermato Pascale-. Non è certo quella la risposta che le aziende devono dare per evitare cali di produzione. L’impatto economico potrebbe essere molto pesante, perché quella della carne è una tra le filiere più importanti. All’interno di questa filiera esistono modi diversi di produrre la carne. Sosteniamo che sia necessario negli allevamenti considerare delle tecniche sostenibili, gli animali non vanno considerati come macchine per la produzione della carne. Auspichiamo che questa allerta possa alzare gli standard qualitativi della carne, dando più spazio agli allevamenti meno intensivi che curano la qualità dell’allevamento ma anche il rispetto dell’ambiente. L’Italia da questo punto di vista è un paese virtuoso, ha un sistema di regole molto virtuoso. E’ confortante la tendenza che va a migliorare, abbiamo una maggiore attenzione alla qualità. Dopo il rapporto dell’Oms, un contraccolpo temporaneo alla vendita della carne probabilmente ci sarà, ma se fossi un operatore del settore della filiera carne mi attrezzerei per rispondere a questa maggiore richiesta di qualità. Non può essere il prezzo l’unico elemento su cui i consumatori faranno le loro scelte in futuro. La soluzione è mangiare meno carne e mangiarla buona”.

Fonte: Radio Cusano Campus