3 dicembre 2016

Frosinone – ArtInCentro: Enrico Rossi, in arte Ugo, esporrà dal 17 al 31 ottobre

Dopo la personale di Paolo D’Amata, “Paesaggi frusinati”, dal 17 al 31 ottobre ArtInCentro proporrà le opere di Enrico Rossi, in arte Ugo. La rassegna, organizzata in collaborazione con l’assessorato alla riqualificazione del centro storico del Comune di Frosinone, coordinato dall’assessore Rossella Testa, e curata da Rocco Lancia di ArtQube, si terrà fino al 29 novembre in piazzale Vittorio Veneto, nella sala sottostante la Prefettura, gentilmente concessa dal Prefetto S.E. Emilia Zarrilli. Massimiliano Chiodi, in arte Milton, sarà protagonista della rassegna dal 1 al 14 novembre; chiuderà Fabio Pop Gismondi con “My Day #quattrocento” dal 15 al 29 novembre. Enrico Rossi sarà il secondo protagonista ArtInCentro, con “Il colore del mio caos”.

L’apertura della mostra ci sarà sabato 17 ottobre alle ore 18:00, accompagnato da un live painting: il pittore, infatti, dipingerà dal vivo una tela con il suo stile ben riconoscibile. “Ugo Art nasce in una maniera un po’ particolare, il pittore è giovane ma ha già talento: – ha detto di lui il curatore di ArtInCentro, Roccio Lancia – potrebbe essere un artista newyorkese che vive di musica jazz o nera, ma è di Atina e preferisce la musica di Capossela o Mannarino. Nelle sue opere spesso vediamo un pesce con denti aguzzi: è proprio lui che mangia e ingoia tutta la storia dell’arte per riproporla come suo linguaggio”.  Enrico Rossi nasce a Sora nel 1994, e qui si diploma all’Istituto d’arte. Frequenta Grafica all’Accademia di Belle Arti di Frosinone e, successivamente, di Roma. Comincia a disegnare gli occhi (specchio dell’anima) e tutto il resto arriva spontaneamente, con pastelli ad olio, colori forti su fondi scuri; i suoi personaggi escono da sogni psichedelici.  Quando non ha carta, tela o pennelli per dipingere, lo fa con Illustrator (sono sue le illustrazioni del Festival delle Storie).

Se viaggia in treno realizza dipinti virtuali con il suo tablet. ‘Ugo’ non crea tutti i giorni, ma lo fa soltanto quando ne ha bisogno e lo si vede nelle sue opere. “L’obiettivo dell’amministrazione Ottaviani è chiaro: imprimere un cambio di passo alle politiche culturali del capoluogo e dare visibilità sia agli artisti affermati che agli emergenti; –  ha dichiarato l’assessore alla riqualificazione del centro storico Rossella Testa – per quanto riguarda questi ultimi, siamo al fianco di tutti i ragazzi della nostra terra che vogliano esprimersi attraverso l’arte e, a loro, vogliamo dedicare un palcoscenico unico e prestigioso, quello di piazzale Vittorio Veneto, sede ormai riconosciuta di iniziative ed attività culturali di grande spessore. Dopo la bella mostra di Paolo D’Amata, artista che ha ricevuto moltissimi apprezzamenti, vi aspettiamo per inaugurare la personale di Enrico, altro estroso ed originale talento della nostra terra”.

 

About Samantha Lombardi 4007 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it