alfonso sabella
Primo Piano

Sabella: “Omicidio Willy: ogni indagato ha dei diritti”

Sabella: “I giornalisti dovrebbero sicuramente evitare di diffondere notizie non verificate, ma che sono solamente voci di corridoio. Influenza serie tv sui ragazzi? Se andiamo a vedere il look di questi ragazzi arrestati per l’omicidio di Willy, ricorda molto i personaggi della serie “Gomorra”. Io prima di cedere i diritti del mio libro al produttore che aveva intenzione di fare una serie tv, ho fatto alcuni patti ben precisi: non ci devono essere equivoci tra buoni e cattivi e lo spettatore si deve alzare dalla sedia con la voglia di stare dalla parte dei buoni. In alcuni film invece è avvenuto il contrario. Ne “Il Padrino” ad esempio la mafia viene raffigurata in maniera etica, addirittura epica. I neomelodici ai miei tempi cantavano il contadino, oggi cantano i mafiosi al 41-bis, bisogna anche adeguare le norme a questa mutata realtà” [CONTINUA]