antonio di pietro
Dall'Italia

Di Pietro: “L’anno scorso era Genova, oggi è Venezia”

Di Pietro: “Qui si arriva sempre il giorno dopo, come il becchino. Mose? Una cosa è la burocrazia piuttosto che la complessità dell’opera, altra cosa è il fatto che la maggior parte del tempo perso è dovuta al fatto che chi stava costruendo quest’opera doveva essere in galera perché ci mangiava sopra. Il Mose è un’opera cominciata 30 anni fa, dopo 30 anni già bisogna pensare a rifarla più che a finirla. L’intervento della magistratura è obbligatorio, ma non può tenere ferme opere mentre fa per 20 anni un processo. La magistratura deve prendersela con le persone, non con i manufatti. Speriamo che almeno quest’opera funzioni una volta completata, sennò saremo cornuti e mazziati” [CONTINUA]