Elena Fattori
Dall'Italia

Fattori (M5S): “Invocare la Raggi per insabbiare il gravissimo caso Siri è un’arma di distrazione di massa”

Fattori (M5S): “Toninelli ha fatto benissimo a revocare le deleghe a Siri. Noi al minimo sospetto sospendiamo i nostri esponenti, la Lega al momento si sta comportando in maniera diversa. Salvini da ministro dell’interno dovrebbe cercare di arrestarlo Matteo Messina Denaro, quindi se sarà confermato che Denaro possa aver avuto anche lontanamente e indirettamente rapporti con il suo sottosegretario è chiaro che Salvini dovrà intervenire. Il governo non è a rischio, durerà perché lo vogliono gli italiani. Penso che prima delle elezioni europee continueranno queste contrapposizioni con la Lega, ma spero che anche dopo si continui a tenere ferme le posizioni sui propri principi. Io sono ancora sotto giudizio del collegio dei probiviri. Tra i probiviri c’è anche Fraccaro e bisognerebbe ragionare su questo perché crea un brutto conflitto d’interessi avere un ministro che giudica un parlamentare. Ha poco senso un collegio di probiviri nominato dal capo politico che è anche vicepremier” [CONTINUA]

Dall'Italia

Silvestri (M5S): “I malumori verso Tria sono dovuti alle sue dichiarazioni, ci stupisce che un ministro dell’Economia faccia allarmismo in questo modo”

Silvestri (M5S): “Salvini e Di Maio non sono pazzi suicidi, non aumenteranno l’iva. I malumori verso Tria sono dovuti alle sue dichiarazioni, ci stupisce che un ministro dell’Economia faccia allarmismo spaventando cittadini e investitori. Il suo atteggiamento ci fa arrabbiare, ma ce la vedremo tra di noi. Salvini vs Raggi? Salvini parla del debito di Roma ma forse non conosce neanche la tabellina del 7. Non ha capito quello che ha fatto la giunta sulla rinegoziazione del debito, non sappiamo più come spiegarglielo. Salvini spera che i romani abbiano la memoria corta e non ricordino che lui ha promosso un sindaco come Alemanno che l’ha disintegrata questa città. Sta facendo più pubblicità alla Raggi lui che Di Maio. A livello nazionale abbiamo fatto un contratto proprio perché non ci fidiamo tanto della Lega” [CONTINUA]