8 dicembre 2016

Roma – Urbanistica, Caudo: “Raggi ha usato falsi stereotipi, a Roma cancellata la cementificazione”

“A smentire l’Onorevole consigliere del Movimento 5 Stelle Virgina Raggi non sono io ma gli stessi costruttori romani”. Così, in una nota, l’assessore alla Trasformazione urbana di Roma Giovanni Caudo rispondendo alla consigliera Virginia Raggi che nella trasmissione “In mezz’ora” ha accusato la giunta Marino di “cementificazione”. “Al contrario – prosegue Caudo – proprio i palazzinari romani ci hanno regalato un libro di pagine bianche, sostenendo che abbiamo bloccato l’edilizia. La verità è che l’Urbanistica a Roma in questi due anni ha cambiato registro, non dà soddisfazione al populismo pentastellato ma nemmeno a chi vuole sfruttare la rendita trasformando i terreni agricoli in edificabili, come aveva promesso Alemanno, tanto che noi abbiamo cancellato tutti i circa 25 milioni di metri cubi che avrebbero compromesso migliaia di ettari di agricoli. E abbiamo cancellato i bandi, salvando, ad esempio, l’area della ex Snia dalla cementificazione”.

“Sul sito del dipartimento tutti i cittadini, anche l’onorevole Raggi, – aggiunge Giovanni Caudo – possono trovare un rendiconto puntuale delle cose fatte e ci si potrà rendere conto che le delibere di assemblea e di giunta approvate (oltre novanta in 22 mesi), non consumano un solo centimetro di agro romano (nemmeno quella dello Stadio), ma servono ad avviare opere (alcune ferme dal 2007) e dare risposte lungamente attese dai cittadini. Altre hanno avviato in concreto la trasformazione dell’esistente come nel caso delle ex caserme, come in via Guido Reni o a Forte Trionfale. Altre delibere sono relative ai piani di recupero o, ancora, ai depuratori per avere quartieri vivibili e portare i servizi dove ci sono solo le case. E, ancora, le delibere con cui abbiamo riscritto tutte le regole del rapporto pubblico privato per assicurare che strade e servizi vadano di pari passo con le abitazioni”. “Va bene la critica politica ma le bugie, no. Una nuova classe dirigente, o che ambisce ad essere tale, non comunica con le bugie e i luoghi comuni. Gli stereotipi – conclude – sono il migliore alleato di chi ha paura di perdere posizioni di rendita monopoliste e il potere di veto che esercita da tempo sulla nostra città, tanto da aver voluto interrompere l’azione di cambiamento della giunta Marino”.