Polizia Municipale, Corrotti-Santori: “Interrogazione su aumento tumori sede Via Capo delle Armi”

polizia locale polizia municipale



Il gruppo della Lega in Consiglio regionale ha presentato un’interrogazione al presidente Zingaretti sulla preoccupante situazione del Comando di via Capo delle armi, sede del Gruppo di Polizia Locale di Roma Capitale del lido. Qui, come già denunciato in precedenza, l’incidenza tumorale sul personale è infinitamente più alta che negli altri comandi capitolini.

Dal 2017 i dipendenti del Gruppo X Mare della Polizia Locale prima, e le parti sociali poi, stanno ininterrottamente e con crescente preoccupazione sollecitando verifiche sull’incidenza di patologie tumorali.
Già da prima però era in atto un braccio di ferro per la riallocazione del plesso in uno stabile pubblico.
Dal lontano 2004, quando venne siglato l’oneroso contratto di affitto tra Roma capitale e una società privata che costa alle esangui casse capitoline 1,1 milioni di euro annui, l’immobile adibito a comando è al centro di criticità amministrative, contabili, gestionali, penali e sanitarie.

Nonostante anni di segnalazioni, la situazione sembra non trovare vera via di uscita: la soluzione prevista per la riallocazione nella ex GIL deve andare incontro ad un ancora lungo e complesso iter amministrativo. E ad oggi non sembrano essere emerse soluzioni alternative.
È irrinunciabile, ed è ciò che chiediamo come Lega, procedere in primo luogo alla verifica della salubrità del plesso, rinnovare la convenzione epidemiologica tra Roma Capitale e Regione Lazio per procedere ad uno screening sanitario del personale, accelerare l’iter amministrativo per il risanamento della ex GIL, il quale non va dimenticato è immobile regionale pur se i lavori competeranno a Roma Capitale con fondi del Governo, e trovare una soluzione alternativa temporanea rispettosa della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, della normativa urbanistica e della dignità di lavoratori e utenza.

Una soluzione come emerso in sede di consiglio municipale straordinario che potrebbe essere proprio la Vittorio Emanuele. Un plesso pubblico, di pregio, caduto da anni in uno stato di decadenza e rovina e che invece potrebbe essere utilmente riguadagnato alla città.

È quanto dichiarano Laura Corrotti e Fabrizio Santori, rispettivamente consigliera regionale e dirigente regionale della Lega.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.