Frate (M5S): “Ho trovato l’analisi di Di Maio lucida e coraggiosa”



Ho letto con molta attenzione la riflessione sul futuro del Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio. Ho trovato la sua analisi lucida e coraggiosa. Vorrei, come stanno facendo in tanti in queste ore, dare il mio contributo con la sola pretesa del libero pensiero.

Non starò qui a ripercorre le tappe storiche, dai Meet Up alla nascita del Movimento, ma voglio soffermarmi sul risultato delle elezioni politiche del 4 marzo 2018. Il Movimento si è presentato con un progetto rinnovato, aperto ad esperienze fino a quel momento estranee e coinvolgendo persone che, prima di allora, erano lontane dal Movimento. In parte, l’ho vissuto in prima persona. Una scelta che non ha mancato di suscitare perplessità e polemiche ma che, al traguardo, è risultata vincente. L’idea di un Movimento inclusivo, rivolto con apertura e curiosità a quei mondi rimasti inesplorati, ci ha permesso di diventare la prima forza politica del paese.

È vero, sul piano locale i risultati sono sempre stati poco premianti. Questo significa che non bisogna drammatizzare, ma neanche commettere l’errore di sminuirne la portata. Non mi sfugge, e sono d’accordo con chi lo denuncia, che a livello locale entrano in gioco dinamiche negative, pratiche opache che inquinano la leale competizione democratica. Ma dire questo non basta, risulterebbe una comoda scorciatoia, oltreché un’offesa gratuita verso i cittadini. La disonestà di taluni, in un Comune piuttosto che in una Regione, non significa che tutti i cittadini siano corrotti, corruttori o corruttibili. Se non ci votano, bisogna indagarne le cause.

Uscire dalla zona di confort, come scrive Luigi, per me significa rimboccarsi le maniche. Lavorare, tanto e possibilmente bene. Significa, a mio avviso, che non basta avere la propria personale coscienza pulita o l’idea di un’etica condivisa come armamentario politico. La zona di confort rischia di diventare, se non lo è già, una stanza insonorizzata dove le nostre parole restano inascoltate, rimbalzando su noi stessi. Altri prima di noi hanno commesso questo errore, stiamo attenti.

Quello dell’organizzazione, locale e nazionale, è un tema che va affrontato scegliendo la giusta prospettiva. Non facciamone una faccenda meramente logistica, organizzativistica, quanto piuttosto una scelta di merito politico. Un esempio. Gli insegnanti di tutta l’Italia ci hanno votato convintamente per una necessità di giustizia, dopo i disastri degli ultimi anni. Il mondo della scuola s’aspettava da noi un’inversione di tendenza. Invece i provvedimenti adottati fino ad oggi sono stati di tipo tecnicistico, parziali e insoddisfacenti, perché privi di una visione politica alternativa. Prima di decidere quale organizzazione adottare, dobbiamo chiederci cosa vogliamo organizzare.

Dobbiamo iniziare a riflettere sulla nostra identità, che è ben altra cosa rispetto alla caratterizzazione; quest’ultima è il buon esempio, la condotta virtuosa, l’episodio specifico. Ma attenzione, il giorno in cui altri decidessero di praticare lo stesso buon esempio, la medesima condotta virtuosa, quel dato episodio specifico noi, allora, perderemmo la nostra unicità. Per questo il dibattito sull’identità, concetto strutturale, è di fondamentale e vitale importanza.

Solo così potremo costruire una progettualità larga e partecipata, fatta di donne e uomini che si dedichino con passione e professionalità al radicamento sui territori, affiancando e potenziando il lavoro dei portavoce. Essere presenti nei luoghi del quotidiano, come prima e più di prima. Dialogare, confrontarsi, fare rete. Condividere gli impegni e le responsabilità.

Una strada lunga, complessa e sicuramente tutta in salita. Ma non impossibile. Con Luigi possiamo fare tutto questo.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13001 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.