Canapa Mundi, dal 15 al 17 febbraio al Palacavicchi

Canapa Mundi, dal 15 al 17 febbraio al Palacavicchi



Nel segno della sostenibilità, del benessere, della tradizione e al tempo stesso delle nuove tendenze, tra artigianato, start up e cibo, medicina e cultura, dal 15 al 17 febbraio 2019 torna al PalaCavicchi di Roma Canapa Mundi, una grande festa in cui tutti sono chiamati a raccolta: famiglie, amatori, appassionati, curiosi, addetti ai lavori, medici e scienziati.

Canapa industriale, cannabis light, banche del seme e prodotti per la coltivazione e per l’uso ricreativo, gastronomia made in Italy e gastronomia Vegan, workshop, business networking room, sfilate di moda, presentazione di libri, mostre fotografica e di fumetti, installazioni artistiche, sala allattamento, spazio bimbi, giochi e premiazioni, Dj area e dancehall: con 250 realtà provenienti da tutto il mondo, Canapa Mundi porta ogni anno all’attenzione del grande pubblico i diversi mondi della canapa. 

Ampia esposizione al pubblico

Oltre ad un’ampia esposizione per il pubblico, Canapa Mundi intende confermarsi quale appuntamento professionale, culturale, ricreativo ed accademico, ambito al quale viene espressamente dedicata la Conferenza Scientifica sulla canapa, con un programma fitto e di indubbio interesse, nel quale spiccano il focus legato alla nutraceutica e alla fitobonifica, ma anche i panel dedicati alla cannabis terapeutica e alla medicina veterinaria, all’evoluzione legislativa e al business.

E sempre al business è dedicata anche la serie di appuntamenti organizzata per favorire l’incontro e il confronto tra i professionisti del settore, in un’ottica di co-produzione, co-branding e condivisione di nuove tecniche e strategie. Per chi si affaccia per la prima volta sul mercato della canapa, sono di validissima utilità i Workshop tematici che si susseguiranno lungo le tre giornate della Fiera, come quello dedicato alla selezione dei prodotti più adatti e professionali per la coltivazione.

Tra gli appuntamenti più innovativi, quelli dedicati alla stampa 3D, che uniscono ecosostenibilità e alta tecnologia, e i laboratori dedicati ai massaggi olistici e agli intrecci di canapa.

A Canapa Mundi non mancherà occasione di incontrare l’arte e la moda

Alla prima sono dedicati il progetto di Giulia Falciani, un’artista poliedrica che presenterà a Canapa Mundi una mostra di fumetti, e l’opera d’arte 50 Shades of Green firmata Burningmax, un’installazione d’arte immersiva ed “esperienziale” realizzata a partire da canapa tessile, tinta in 50 variazioni che portano alla luce tutti i colori della canapa, introducendo i visitatori ad un’esperienza anche olfattiva.

Alla moda è invece dedicata la sfilata in programma per il pomeriggio di domenica 17 febbraio realizzata grazie alla preziosa collaborazione dell’Istituto di Moda Burgo di Roma, che presenterà la collezione “Modus sativa”, e all’apporto di Verdefilo Lab di Cesarina di Domenico e dell’artigiana Simona Colombo.

Canapa per tutti! Anche quest’anno l’organizzazione di Canapa Mundi presta tanta attenzione alle famiglie e mette a disposizione uno spazio dedicato appositamente a bambine e bambini, dove poter giocare, divertirsi e stimolare la creatività con nuovi laboratori manuali a tema Canapa ideati appositamente per bambini dai 6 anni in su. Durante l’evento, inoltre, Canapa Mundi in città propone la “Settimana della Canapa”: un’occasione per esplorare la bellezza di Roma e i suoi luoghi più canaposi comodamente in bicicletta o in scooter elettrici, sempre nel segno della sostenibilità. 

Canapa Mundi, a favore di una mobilità sostenibile, come ogni anno provvede a garantire a tutti i visitatori una rete di collegamento con navette gratuite dalla fermata metro Anagnina.

 Programma completo su: www.canapamundi.com

Informazioni su Emanuele Bompadre 11779 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

1 Commento

  1. come tutte le questioni in base al disagio, di qualsiasi cosa ne fate una cultura. praticamente venite presi/e dal momento, dagli effetti, dagli eventi, ecc. ne diventate euforici, poi vi ci stabilizzate. non sapete capire, e quindi non sapete agire, anche perche c’e’ anche la questione del business. comuncue anche se non c’e’ra la questione del business, io dico che sareste stati/e uguali. insufficienti di comprendonio. non si puo’ immischiare la mariuana al mangiare, diventa peggio dell’alcool. con una differenza; l’alcool te ne accorgi che ubriaca e rincoionisce. non si puo’ immischiare arte e mariuana, si distrugge la vera essenza del motivo della mariuana e automaticamente si distruggono tutti gli effetti benefici che se ne potrebbero ricavare in base al disagio. comuncue e’ un discorso in base al disagio, quindi un discorso che andra’ a scomparire, come l’80% di tutto questo vivere. proprio in questi modi si riempi il mondo di tutte culture barzelletta, e la realta’ vera reale va a morire. io sapro’ cosa fare con perfezione assoluta essendo chi sono. sto aspettando il prescielto, e lo sto aspettando da tanto tempo. vedremo di far prevalere la realta’ vera reale. e di far scomparire tutto il resto.

3 Trackbacks / Pingbacks

  1. Canapa Mundi, food, arte, artigianato e start up
  2. Canapa Mundi, canapa e cosmesi: tra sostenibilità e benessere
  3. Canapa Mundi: Canapa, Makers, Medicina e Legalità

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.