Assenzio: Pianta ricca di proprietà e benefici



L’ assenzio è un distillato particolarmente alcolico dal sapore di anice. Esso si ricava da erbe, fiori e foglie dell’assenzio maggiore, dal quale prende il nome.

L’inventore di tale distillato fu un medico di origini francesi. A seguito della Rivoluzione Francese egli si trasferì a Couvet in Svizzera.

Qui tra le varie erbe medicamentose che venivano utilizzati dai medici, scoprì l’assenzio maggiore. Tra i diversi sperimenti diede inizio alla produzione di un distillato dalla gradazione alcolica di 60 volumi, contente anche diverse erbe tra cui l’anice. Questo prodotto divenne ben presto un vero e proprio toccasana a Couvet.

Pare che, successivamente alla morte del medico francese, la ricetta venne tramandata alle sorelle Henriod di Couvet. Alcuni invece narrano che le sorelle stesse producessero assenzio ancor prima. Nel diciannovesimo secolo, in Svizzera e Francia, si diffusero moltissime distillerie. Alla fine del secolo il liquore divenne particolarmente noto grazia al consumo che ebbe tra scrittori ed artisti di Parigi.

L’assenzio all’epoca veniva consumato mediante rituali stravaganti, a tal punto di divenire un’ispirazione di vita dello stile Bohémien. In Europa riscosse molto successo, ma a causa di diversi fattori declinò velocemente. All’inizio del ventesimo secolo si diffuse il movimento contro l’alcolismo e diversi studi evidenziarono la pericolosità del tujone una sostanza presente nell’assenzio.

Proprietà

Una delle principali proprietà dell’assenzio è quella di favorire la digestione e di fungere da tonico. Grazie al suo principio attivo amaro che contraddistingue la pianta, ovvero l’absintina, viene favorita la digestione. Inoltre la sostanza agisce contribuendo al miglioramento del lavoro che svolgono milza, fegato e cistifellea. Il consumo di infuso di assenzio invece può aiutare a stimolare l’appetito. Particolarmente indicato dopo un periodo di convalescenza, oppure in casi di mancata energia fisica per ridare forza al corpo e sostenere le difese immunitarie. Tra le tante proprietà ricordiamo:

  1. Proprietà antinfiammatoria
  2. Proprietà antispasmotica
  3. Proprietà stimolante del sistema nervoso
  4. Proprietà febbrifuga, ovvero in grado di agire in presenza di febbre molto alta
  5. Proprietà antivermifuga
  6. Proprietà antisettica

L’assenzio inoltre può essere utilizzato anche per regolarizzare il ciclo mestruale. Grazie all’azione antinfiammatoria, renderà il dolore più sopportabile. Infine stimola la produzione del colesterolo buono ed aiuta la circolazione vascolare.

Impieghi e controindicazioni

L’assenzio può essere utilizzo per fini terapeutici come infuso, oppure decotto. Basta semplicemente diluire in acqua calda la tintura madre o l’estratto liquido. È importante in tal caso non superare il dosaggio consigliato. Questa pianta dalle tante proprietà benefiche, possiede anche principi attivi tossici.

Un consumo eccessivo può determinare l’insorgenza di convulsioni, invece al contrario, se assunto in maniera moderata può essere molto stimolante per l’organismo. Per la preparazione della tisana si deve utilizzare solo 1 grammo di erbe per tazza. Il quantitativo raccomandato non deve superare le 3 dosi settimanali. Per la tintura madre invece, consigliamo di utilizzare non più di 30 gocce al giorno, oppure 15 gocce lontano dai pasti. In questo caso è opportuno non superare i 7 giorni di assunzione. Pur essendo una pianta, l’assenzio è controindicato nei seguenti casi:

  1. Ulcere
  2. Irritazioni gastrointestinali

Tra gli effetti collaterali abbiamo:

  1. Diarrea
  2. Vomito
  3. Cefalea
  4. Calo della pressione arteriosa
  5. Calo dei battiti cardiaci
  6. Stanchezza fisica
  7. Convulsioni

Raccomandiamo di rispettare categoricamente i dosaggi consigliati e di non eccedere con le assunzioni. Un sovradosaggio potrebbe determinare la comparsa di disturbi anche molto gravi. Inoltre è opportuno non utilizzarlo per periodo molto lunghi, e di chiedere consiglio al vostro medico di base.

L’assenzio non deve essere utilizzato in gravidanza ed allattamento. Se dopo alcune somministrazioni compaiono disturbi, interrompere e rivolgersi tempestivamente al proprio medico o al primo soccorso più vicino.

Via: https://www.inran.it/

Informazioni su Emanuele Bompadre 11619 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.