Pensioni, i vigili de fuoco chiedono di essere esentati dall’aumento dell’età pensionabile

Pensioni, i vigili de fuoco chiedono di essere esentati dall'aumento dell'età

Riccardo Boriassi, portavoce nazionale di Conapo, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano – Dentro la notizia” su Radio Cusano Campus,
emittente dell’Università Niccolò Cusano in merito all’aumento dell’età per le pensioni.

Pensioni, l’intervento di Boriassi a Radio Cusano Campus

Sull’aumento dell’età pensionabile per i vigili del fuoco.

All’interno del corpo dei vigili del fuoco ci sono diverse categorie  quello operativo che è il più usurato, quello amministrativo
e quello dirigenziale.
Quello operativo ha un pensionamento a 61 anni, ma rientra in questo infernale meccanismo di aumento dell’età pensionistica.
Noi chiediamo di essere esentati perchè l’aspettativa dei vigili del fuoco è di molto inferiore rispetto alla platea degli italiani.
Molti operativi sono deceduti per tumori e carcinomi, a causa del contatto con le sostanze sprigionate da incendi o da crolli di edifici in amianto,
non abbiamo quella aspettativa di vita alla quale ci omologano.
Da questo tavolo tecnico col governo non emerge la specificità dei vigili del fuoco.

Sganciati da questo meccanismo assurdo

Vogliamo essere sganciati da questo assurdo meccanismo dell’aumento dell’età pensionabile che fa di tutta l’erba un fascio, noi non siamo lavoratori
come gli altri.
Se si fa uno studio sulla nostra aspettativa di vita c’è un’alta incidenza delle malattie tumorali.
Non è possibile che continuiamo ad essere sottopagati rispetto agli altri corpi dello Stato e non abbiamo taluni riconoscimenti pensionistici che
hanno altri corpi impegnati in attività operative

Fonte: Radio Cusano Campus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*