Referendum, Calderoli: “Il 4 dicembre lo ricordo perchè è San Sola, un santo che corrisponde ai contenuti della riforma”

v\:* {behavior:url(#default#VML);} o\:* {behavior:url(#default#VML);} w\:* {behavior:url(#default#VML);} .shape {behavior:url(#default#VML);}

Il Vice presidente del Senato Roberto Calderoli (Lega), è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

 

La riforma costituzionale ridimensiona il Senato. “Visto come vanno i sondaggi in questo momento direi che il Senato gode di ottima salute” ha ironizzato Calderoli, che ha poi aggiunto: “E’ necessario rivedere la Costituzione, quindi il no di oggi al referendum è un impegno per fare domani una riforma fatta bene. La cosa più rischiosa è l’unione tra questa riforma elettorale e la nuova legge elettorale che trasformerebbe il governo in un regime nelle mani di un singolo partito e di una singola persona. Mattarella non dovrebbe firmare, perché nel titolo del quesito del referendum non c’è scritto quello che in realtà prevede la riforma”.

 

Il risparmio economico. “Sarei a favore se fosse vero –ha affermato Calderoli-. Il risparmio secondo Renzi è di 500 milioni, invece il servizio di questura del Senato ha calcolato che non si arriva neppure a 50 milioni di risparmio. Se il Senato, ridotto al rango di dopolavoro ferroviario, non serve a niente, anzi diventa dannoso, allora aboliamolo definitivamente”.

 

La data. “Il 4 dicembre lo ricordo perché è Santa Barbara, la protettrice contro i fulmini, il fuoco e le morti improvvise, quindi direi che è un buon santo –ha scherzato Calderoli-. Per i romani direi che è il giorno di San Sola, quindi corrisponde abbastanza ai contenuti di questa riforma”.

 

Parisi e il centrodestra. “A me piacerebbe partire dai contenuti più che dalle persone –ha spiegato Calderoli-. Il centrodestra non rinasce con le somme delle sigle elettorali dei vari partiti o con i personaggi. Parisi? Prima di dare il cammello voglio vedere il tappeto. Finora ho visto delineare dei quadri filosofici, io invece voglio sentire sulle singole questioni come la pensa e cosa propone. Finora c’è stata una cornice, adesso voglio vedere la tela del quadro”.

 

 

Testo liberamente riproducibile, con citazione della fonte

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*